Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Luca Altomare

Calabria, tra coraggio, orgoglio e santità!

3 Luglio 2014
"Pari bello mò! Passatu lu Santu, passata la festa, ma ora il giorno dopo, a Oppido Mamertina niente è passato, ti rendi conto che siamo su tutti i giornali d'Italia? Loro credono che qui esiste ancora l'omertà, la'ndrangheta, il rispetto ed invece... Ma ci spieghi come minchia è...
[continua a leggere »]
Composto martedì 15 luglio 2014
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Luca Altomare

    Duonnu Pantu – Erotismo e sensualità

    " "Bonsegnù, bonsegnù futtete l'ossa, lu vicariu allu culu e tu alla fissa: vica si nun me cacci de sta fossa, lu dicu c'hai imprenatu la patissa". "
    " La patissa!? La patissa!? Ve ne rendete conto? Cosa sono queste minacce poetiche da osteria? Don Piro dovrà essere fermato, chiuso, segregato!...
    [continua a leggere »]
    Composto giovedì 29 maggio 2014
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Luca Altomare

      L'antica bellezza di una donna del sud!

      "Nonna, ti fa male?" "Cosa tesoro?" "La pelle. È secca e piena di buchi." "No amore mio, non mi fa male. Quelle che vedi si chiamano rughe. Con il tempo tutto si sopporta e il dolore diventa gioia. Ogni traccia che vedi sul mio viso è il segno che il tempo ha lasciato per ricordarmi chi ero e... [continua a leggere »]
      Composto martedì 6 maggio 2014
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Luca Altomare

        La folla, i folli e pilato le mani si lavò

        "Cos'è questo chiasso!? Altomare, alla lavagna!"
        "Ma... prof..."
        "Niente ma!"
        "Se non hai studiato peggio per te, sarà un bel due per la felicità della tua media! Oggi mi parlerai di Shakespeare e delle sue opere."
        "Quali?"
        "A tuo piacere!"
        "William Shakespeare nacque a Stratford-upon-Avon in...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Luca Altomare

          Tempus fugit! Dum fugit umbra, simil fugit irreparabile tempus

          Tic, tac, tic, tac, tic, tac, tic, tac...
          "Pausa, urge immediata ed assoluta pausa!"
          "Dò, tutto bene? Ti vedo un po' pallido."
          "Si Lù," cerco solo un attimo d'egoismo illogico, stacco la mia spina appesa al quotidiano identico, voglio le mie nuvole, il mio spazio libero, una tregua di due ore e...
          [continua a leggere »]
          Composto sabato 10 maggio 2014
          Vota il racconto: Commenta