Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Lina Viglione

L'AMORE DEI GENITORI

Un genitore intelligente e sensibile i figli sono tutti uguali e non fa differenza. I figli vanno amati e trattati alla stessa maniera anzi al più debole bisogna avere più attenzione affinché si rinforzi e psicologicamente e anche spiritualmente. Se si legge il vangelo c'è un passaggio che parla... [continua a leggere »]
Composto domenica 3 aprile 2011
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Lina Viglione

    L'arcobaleno del cuore

    È sicuramente vero che alle volte il nostro cielo è scosso da temporali solo perché la preoccupazione che "piova" è troppo forte. Ma che ci vuole un grande equilibrio per attendere, l'eventuale tempesta, senza tendere l'orecchio al futuro, e sentire se qualche tuono già si profila all'orizzonte... [continua a leggere »]
    Composto venerdì 4 febbraio 2011
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Lina Viglione

      L'arte di sentirsi giovani dentro

      Ci sono tante omologazioni e suddivisioni sull'età, per me non hanno alcun senso. Io anagraficamente sono "molto grande" ma mentalmente sono e mi sento "giovane dentro" In casa in ogni stanza ho almeno due specchi, che quando mi guardo mi fanno "notare" gli anni che sono passati, ma per fortuna... [continua a leggere »]
      Composto venerdì 17 aprile 2009
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Lina Viglione

        L'isola che non c'è

        La mia isola.
        Quando penso a "l'isola che non c'è" subito mi viene in mente che per Peter Pan quell'isola è il luogo dell'anima dove divertirsi e stare in compagnia rimanendo per sempre bambini.
        Un posto dove non bisogna pensare a risolvere problemi, perché la maggiore difficoltà consiste nel...
        [continua a leggere »]
        Composto martedì 1 gennaio 2002
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Lina Viglione

          LA BAMBINA CHE E IN ME

          Capitolo: LA BAMBINA CHE E IN ME
          Tutto scorre, tutto ritorna, non e solo dolore, ma qualcosa di più sottile, il desiderio profondo di me stessa, di portare tutto alla luce, appagarlo dalle voce della memoria che mi assicura che lenire i dolori delle ferite si può, rammendandomi che tutto quello che sto ricordandomi in effetti... [continua a leggere »]
          Composto giovedì 18 dicembre 1997
          Vota il racconto: Commenta