Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Lina Viglione

Mente e cuore

Ci lamentiamo che molto spesso non si va d'accordo con il nostro simile. Devo ammettere, con coraggio, che quasi sempre non vado d'accordo con i miei stessi pensieri e dunque, con me stessa. Se sto maturando un pensiero, la logica mentale si fa avanti e grida i suoi motivi, la quale tutta "misura... [continua a leggere »]
Composto mercoledì 1 gennaio 2014
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Lina Viglione

    Metafora

    Capitolo: L'isola che non c'è.
    La mia isola tanta sognata, ma irraggiungibile, che si chiama utopia e, non ha muri e non ci sono tempeste, dove il tempo è sempre al presente e non scorre mai. Un paradiso perduto dove regna la pace e l'armonia, là dove la mia anima troverebbe di sicuro riposo, là dove la mia parola sarà "sì se... [continua a leggere »]
    Composto martedì 1 gennaio 1985
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Lina Viglione

      Mi sento sola

      La mia solitudine interiore ha radici lontane e nel profondo del mio essere. Ho in fondo al cuore mille ragioni per espirare alla. "Solitudine, sentimento di destini eternamente solitario" Vorrei appagarmi, rinunciare a sapere tutto, a volere tutto; ad abbracciare tutto! Vorrei rinchiudermi da... [continua a leggere »]
      Composto domenica 14 novembre 2010
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Lina Viglione

        Mia sorella Maria

        Devo riconoscerlo mia sorella Maria fu la sola figlia voluta, nacque due anni dopo il matrimonio. Nella mia mente di bambina si radicò la convinzione che lei era la prediletta. Un sentimento che ancora oggi non è del tutto sparito: ricordo che lei veniva trattata come una principessa, tutto il... [continua a leggere »]
        Composto lunedì 18 marzo 1996
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Lina Viglione

          Oltre l'infinito

          Tra le corde della mia anima, e nel silenzio dei miei pensieri spesso mi smarrisco e rincorro le nuvole... sono così veloci che mi smarrisco in fretta, dimenticando la direzione giusta. Nella nuova alba che mi avvolge raccolgo, ogni attimo, ogni raggio di sole, ogni fragile paura. Ogni nota di... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 17 novembre 2000
          Vota il racconto: Commenta