Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Lina Viglione

La mia autobiografia

Ho raccolto e chiuso nel mio diario tutti i miei dolori e tutto ciò che il mondo mi ha regalato. Chi lo leggerà troverà solo disperazione ma è l'unica eredità di vita e per questo motivo ho stabilito di lasciarlo al mondo.
Da parte mia accetterò tutti i pareri di coloro che lo leggeranno...
[continua a leggere »]
Composto sabato 18 novembre 1995
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Lina Viglione

    LA MIA STAZIONE

    Mille volti che si rincorrono con la stessa domanda, c'è chi risponde loro, c'è chi da altri li rimanda, mille anime che si muovono con la valigia ed un foglio in mano, c'è chi viene da vicino e chi da molto lontano e ogni tanto una voce innaturale rapisce loro l'attenzione, avverte a tempo chi... [continua a leggere »]
    Composto mercoledì 1 febbraio 1995
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Lina Viglione

      La morte di mamma

      Capitolo: Un amore negato.
      Di solito quando si perde una madre si conservano dei ricordi nei quali ci si rifugia in momenti di tristezza. Io non posso farlo! Non trovando niente di buono in essi. Quando fui informata che mamma stava morendo, corsi a Milano da lei disperata, volevo rivederla per l'ultima volta. Lei dopo... [continua a leggere »]
      Composto mercoledì 3 marzo 1999
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Lina Viglione

        La morte di nonna Giovannina

        Di fronte alla morte di nonna Giovannina mi sentivo spezzare il cuore dal dolore, sentivo che la mia vita non sarebbe più stata la stessa di prima, mi aveva lasciata tra persone che io istintiva mente intuivo che mai mi avrebbero voluto bene quanto lei. Posso dire che con la una morte terminò... [continua a leggere »]
        Composto giovedì 13 giugno 1996
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Lina Viglione

          La nascita dei miei figli

          Capitolo: Dal mio diario.
          Quando nacque Tonino non immaginavo che avrei potuto essere tanto felice per la sua nascita. Crescendo fisicamente somigliava al padre, ma nel carattere aveva preso tutto da me! Era vivace ma tranquillo, cresceva equilibrato e sicuro di se aveva un carattere deciso e forte. Dopo quattro anni... [continua a leggere »]
          Composto domenica 3 marzo 1996
          Vota il racconto: Commenta