I migliori racconti di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritto da: Giuseppe Catalfamo

1995

L'incapacità nel provare piacere ed interessi credo sia giunta alla soglia del vertice, cuspide fra dolore e nullità.
Mi rendeva felice la rugiada del mattino
il profumo di salsedine nei pomeriggi d'autunno
ridere con i coetanei, ridere, non muovere i muscoli del viso
con fare enigmatico...
[continua a leggere »]
Giuseppe Catalfamo
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Giuseppe Catalfamo

    Amore non mi evoca

    La voglia di scrivere è innata nell'uomo, ricordo quando quindicenne scrivevo favole e fantascienza, mai abbandonato la penna, periodi particolarmente grafomani misti a momenti anche lunghi di sterilità, la penna sempre in tasca. Finestra chiusa, scrivania, posacenere, un'abat-jour sul lato del... [continua a leggere »]
    Giuseppe Catalfamo
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Giuseppe Catalfamo
      La dolce piccola Maria,
      ragazzina appena dodicenne, abbandonata, probabilmente barattata, in un convento dalla famiglia bigotta e ignorante perché il rosso che fa diventare donna per loro era peccato mortale,
      vinta dalla sua innata purezza trova la forza e il coraggio di fuggire dal monastero...
      [continua a leggere »]
      Giuseppe Catalfamo
      Composto giovedì 28 ottobre 2010
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Giuseppe Catalfamo

        Adam e l'Har-Mageddon

        Lilith era supina, adornata d'un solo velo che copriva i piccoli seni, occhi sbarrati, le braccia perpendicolari ai fianchi, le coscie, leggermente divaricate, colavano sangue rosa dall'inguine, il frutto del "purificante" stupro dei 4 Bianchi Cavalieri dell'o'Dei Pus.

        Gilgamesh con fare...
        [continua a leggere »]
        Giuseppe Catalfamo
        Composto sabato 24 ottobre 2009
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Giuseppe Catalfamo

          Mamma orsa

          Questo non è un saggio, un capitolo di un romanzo, né un thriller, tantomeno una fiaba e lungi da me voler essere un narratore; questo è un mio pianto di ieri davanti ai pixel del televisore, solo la voglia di descrivere perché ho pianto, esternazione che vivo molto raramente. Stavo stancamente... [continua a leggere »]
          Giuseppe Catalfamo
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di