I migliori racconti di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritto da: Giuseppe Catalfamo

Sig. G.

Ancora la notte, potrei non serrare gli occhi, son già abbastanza avvolto dal buio più torbido, quello della solitudine, quello che ti trasporta in una frazione di secondo dalla tristezza all'odio facendoti scorrere nella mente un'infinita sequenza di volti che pur essendo noti da sempre non... [continua a leggere »]
Giuseppe Catalfamo
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Giuseppe Catalfamo

    Il piccolo Cat

    Il piccolo Cat non aveva mai sognato, un'infanzia tranquilla ma tetra e scialba, solo i sogni avrebbero potuto dar colore, ma come detto, a differenza dei suoi coetanei lui non sognava e loro per questo lo deridevano, lo ghettizzavano. Probabilmente tutto era creato dalla sua mente, ma vedeva in... [continua a leggere »]
    Giuseppe Catalfamo
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Giuseppe Catalfamo

      La vita dura un istante

      Bizzarro, questa brezza mi fa desiderare di amare, vivere, ridere e far progetti per il futuro... futuro? La nostra vita durerà un istante. Il tempo passa e nonostante la sua relatività al cospetto dell'universo, ci calpesta inesorabilmente, fortunatamente le difese cerebrali non ci fanno render... [continua a leggere »]
      Giuseppe Catalfamo
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Giuseppe Catalfamo
        Non esiste l'"uomo perfetto", quantomeno non nella totalità delle valutazioni della collettività.

        Ti muovi con onore, sfiori con sensibilità le anime, nulla devi a nessuno di materiale, discreto nel non offendere le stupidità.

        Il tuo matrimonio, cuspide d'amore della vita, lo vorrai...
        [continua a leggere »]
        Giuseppe Catalfamo
        Composto domenica 30 agosto 2009
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Giuseppe Catalfamo

          Ho creduto anch'io nel futuro

          Ricordo la prima volta che vidi la luna nel suo splendore, la luna vista da un prato, una canadese, un'arancia e uno spinello, nelle vene il senso dell'immortalità, la voglia di fuggire (da cosa non si sapeva) il candore dell'anima fiduciosa del prossimo. C'era un mondo da scoprire, decine di... [continua a leggere »]
          Giuseppe Catalfamo
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di