Scritto da: Giorgio Baiardi
Mi sedetti vicino al molo, ad aspettarla. Guardai il mare e la piccola imbarcazione che veniva scaricata. I marinai, sembravano imprecare in francese e gli scaricatori rispondevano, ai presunti insulti, in dialetto genovese. Parevano, comunque, capirsi. Mi invase un forte senso di tranquillità... [continua a leggere »]
Giorgio Baiardi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Giorgio Baiardi
    Le persone felici, quelle che con i loro sguardi, ti fanno capire quanto della vita hanno imparato. Quanto sia, così incontrovertibile la loro direzione. Quanto sia importante sapere dove andare. Si, loro lo sanno. E capiscono subito, chi vaga senza meta, con lo sguardo sperduto. Uno sguardo che... [continua a leggere »]
    Giorgio Baiardi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Giorgio Baiardi
      Se il tempo è inarrestabile. Guardo intorno a me, e chiedo il perché. A chi non so. Guardo indietro, tutto potrebbe procedere in modo più soddisfacente. Se scrivo, non so quali parole inventare per il domani. Ho la voglia di andare... curioso nel mio conoscere. È come se tutto quello che vedo... [continua a leggere »]
      Giorgio Baiardi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Giorgio Baiardi
        Lentamente, la pioggia cade e quanta bellezza può esservi nel cielo che piange malinconicamente. Osservandolo, lo immagino come un grande signore, che ha bisogno di affievolire i propri pensieri e di estromettere da sé, il freddo che qualcuno gli ha lasciato. Potrei consolarlo, come un Amico a... [continua a leggere »]
        Giorgio Baiardi
        Vota il racconto: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di