Questo sito contribuisce alla audience di

I migliori racconti di Gino Ragusa Di Romano

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Dialogo tra me e Sofia

Era d'inverno e nel meriggio oscuro volli uscire per incontrare la mia amica del cuore. Gentile era e di raffinati modi, concisa nel dire e nell'ascoltare attenta, igiene nella sua mente ce n'era tanta. Il sorriso aveva bello ed invitante, mentre gli occhi sprizzavano amore e tanta intelligenza... [continua a leggere »]
Composto mercoledì 6 dicembre 2000
Vota il racconto: Commenta

    Lettera a Sofia

    Mia nobile Sofia,

    il dialogo che con te condivisi qualche anno fa, riportato nel mio libro - Accenti d'amore e di sdegno -, avrei desiderato tanto oggi poterlo proseguire ancora, seduto di fronte a te, ma motivi di salute, purtroppo, mi impediscono il salutare incontro, che dà immediata...
    [continua a leggere »]
    Composto venerdì 21 dicembre 2012
    Vota il racconto: Commenta

      Nino

      Nino, figlio di Turiddu e di Stella, abitava in campagna con i suoi genitori e con i suoi fratelli. Tutti lavoravano un appezzamento di terreno di proprietà di un tale, chiamato don Totò.
      Nino aveva sei anni ed, oltre a lavorare, andava a scuola, in una scuola rurale, che raggiungeva a piedi...
      [continua a leggere »]
      Composto giovedì 30 novembre 2000
      Vota il racconto: Commenta

        Voscienza benedica!

        Un contadino, chiamato massaru Nittu, essendosi arricchito non molto onestamente, un giorno pensò di dare più tono al suo nome e di ricevere di conseguenza, a suo modo di vedere, più rispetto.
        Diceva, infatti, rivolgendosi alla moglie: "Ormai sono un uomo facoltoso, aumento le mie ricchezze ogni...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta

          Giulia (La figlia di nessuno)

          Viveva in una grande e bella casa di un paesino dell'entroterra della splendida Sicilia una donna sensibile e cordiale di nome Matilde, sposa di un gentiluomo, che aveva il vizio di giocare frequentemente a carte.
          La casa si affacciava sulla piazza larga e lunga, palcoscenico di quei cittadini...
          [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta