Racconti di Gianluca Frangella

Scrittore, nato lunedì 10 marzo 1980 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Gianluca Frangella
Dietro una tenda rosso porpora intravidi la sagoma di una persona dai lineamenti sensuali, nascosti nel gioco di ombre che la luce creava sulla tendina. Conoscevo bene quell'ombra. In quella casa abitava Liza, la ragazza che aveva stregato la mia fantasia e che in segreto amai per molto tempo... [continua a leggere »]
Gianluca Frangella
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Gianluca Frangella
    La casa è qualcosa di sacro. Invitare qualcuno nella propria dimora è segno di immensa fiducia e rispetto e quel qualcuno lo deve sapere, che nella tua casa non può fare da padrone. Deve badare bene a ciò che sta toccando, non rovinarlo, non profanarlo. Non è permesso nella tua casa saltare sul... [continua a leggere »]
    Gianluca Frangella
    Composto martedì 5 marzo 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Gianluca Frangella

      (A)mare

      "Sento il respiro dell'oceano poco distante da qui. Il tempo sembra scorrere come una goccia di rugiada sulla foglia di un petalo di rosa. Sento il sapore dell'oceano non molto distante da qui. Eppure siamo a miglia di distanza dall'oceano. Eppure siamo così lontani che l'oceano, no, l'oceano... [continua a leggere »]
      Gianluca Frangella
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Gianluca Frangella

        Il vaso di coccio

        Aveva un vaso di coccio. No, non uno di grande valore economico. Non valeva nulla, forse qualche spicciolo di euro o poco più, ma chi glielo aveva regalato aveva molta importanza nel suo cuore.
        Lo guardava, lo puliva, lo custodiva segretamente perché quel vaso lui lo riempì di tutto il suo amore...
        [continua a leggere »]
        Gianluca Frangella
        Composto giovedì 9 gennaio 2014
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Gianluca Frangella

          In(canto)

          Le stelle nel cielo sembravano disegnare la parola notte, ma alcune di queste caddero nell'infinito, lasciando la scia, e una "t" andò a dormire mostrando agli occhi del musicista la parola note. Fu allora che, stupito dall'inaspettata sorpresa, immaginò le linee di un pentagramma e ogni stella... [continua a leggere »]
          Gianluca Frangella
          Composto domenica 23 marzo 2014
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di