Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Giancarlo Modarelli

Lo squilibrio umano

L'uomo moderno riconosce se stesso soltanto in un altro. Adoperando la fantasia, l'amicizia permane a lunga distanza. Riconoscere pur riconoscendo l'essenziale d'esistenza natura. La vita rincorre il proprio valore inestimabile dal limite proposto. Un uomo si rende libero liberandosi in fretta... [continua a leggere »]
Composto mercoledì 25 settembre 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Giancarlo Modarelli

    Non ho fatto più sesso

    Dopotutto lei mi tormentava e aveva avuto l'opportunità di riceverlo elegantemente indisturbatamente ad ogni ripresa. La sua mente mi accavallava come una cavalla di cavalleria. Inghiottivo l'amarezza di vomito dal gentil sesso. Mentre mi sentivo appagato tra le luci spente nel dolore del sole e... [continua a leggere »]
    Composto domenica 24 novembre 2013
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Giancarlo Modarelli

      Operero' per lei

      Amicizia - avarizia e intesa di ripresa con le scarpe da befana gli dissi: serenamente Serena. Ho tolto il cappotto dal freddo gelo a congelare mangiacchione di un vecchio padrone padroneggia e scorreggia. Avevo giurato d'averti convinto a insistere pur assistendoti. Mille notti avvertivo... [continua a leggere »]
      Composto sabato 9 novembre 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Giancarlo Modarelli

        Perché che cosa il dove e quando

        A mordere la frittata sono molti partiti a condividersi la macedonia. Alla donna spetta soltanto la minima parte della minima in parte. Avrei preferito pulirgli le scarpe a Berlusconi senza prender più sonno. Napolitano con Brunetta ha fretta e indietreggia la poltrona. Non capisco avendo... [continua a leggere »]
        Composto venerdì 22 novembre 2013
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Giancarlo Modarelli

          Perché la donna bella tace

          La donna bella non esagera mai per demerito si riassicura l'esagerata certezza di devoluta bellezza. L'avrei preferita mora e più che bionda di media statura. Non rinnego l'ignoranza d'abbondanza nella solitudine d'amore. Perché in essa ricopre la speranza d'abbondanza delle buone maniere. La... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 25 ottobre 2013
          Vota il racconto: Commenta