Questo sito contribuisce alla audience di

I migliori racconti di Gaetano Toffali

Responsabile commerciale - Formatore, nato domenica 24 ottobre 1954 a Verona (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Gaetano Toffali

Naufragio d'amore

Era paura.
Un naufragio.
Zattera nessuna.
Il cielo che cambiava.
Davanti il buio. Io senza forza e senza Dio.
Ho avuto paura. Ho voluto vivere. Le mie mani e la mia testa hanno iniziato a remare.
Poi anche il cuore.
Ora vivo.
Bevo il tuo respiro, mangio le parole che mi dici. Sono...
[continua a leggere »]
Composto nel 2008
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Gaetano Toffali

    Credo che sia che lo faccio per me

    Devo dire che nella mia vita le donne sono state molto più importanti degli uomini. E anche se il sesso l'ho cominciato tardi ma tardi ho sempre amato molto le donne, tantissimo il loro carattere, quel modo di essere così diverso dall'immaginazione nostra, di uomini dico, che le rende un mistero... [continua a leggere »]
    Composto giovedì 30 novembre 2006
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Gaetano Toffali

      Poesia

      Sfiorare la poesia. Averla vicino. Guardarla negli occhi.
      Anche solo una volta nella vita capire che è stata con te.
      La più bella del mondo, che ti ha tenuto la mano.
      La più dolce di tutto, che sorrideva lieta mentre scrivevi.
      Tu!
      Sono geloso di Leopardi, di Ungaretti, di Petrarca, Prevert...
      [continua a leggere »]
      Composto mercoledì 16 settembre 2009
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Gaetano Toffali

        Amore spezzato

        Era paura. Un naufragio. Zattera nessuna. Il cielo che cambiava. Davanti il buio. Io senza forza e senza Dio. Ho avuto paura. Ho voluto vivere. Le mie mani e la mia testa hanno iniziato a remare. Poi anche il cuore. Ora vivo. Bevo il tuo respiro, mangio le parole che mi dici. Sono nutrienti e... [continua a leggere »]
        Composto venerdì 24 luglio 2009
        Vota il racconto: Commenta