Racconti di Francesca Leone

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Umiltà
Mani d'oro Tra i libri di ricamo di mia madre, uno è il mio preferito. Quando mi sposai le chiesi il permesso di averlo per me. In quei fogli ingialliti mi piace copiare qualche iniziale o disegno particolare. Ancora oggi quelle pagine mi sono care. Chiedevo speso alla mamma la provenienza di... [continua a leggere »]
Francesca Leone
Composto giovedì 30 novembre 1995
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Umiltà

    Due ginocchia fragili

    Per un periodo mio figlio portava alcune sue amiche a casa. Una di queste, Evelin, era alta magra disse che abitava a Montichiari. Il lunedi di Pasqua insieme ad altre persone fecero una gita. Andava tutto bene quando ad un tratto Evelin si mise a gridare di dolore. Nell'alzarsi le sue ginocchia... [continua a leggere »]
    Francesca Leone
    Composto domenica 30 novembre 2003
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Umiltà

      La casa sulla collina

      D'estate torno al mio paese natio. Mi piaceva moltissimo, sentivo un richiamo. Non potevo fare a meno di quei luoghi che, amavo tanto. Al mio arrivo trovavo uno stuolo di cugini che gioivano della mia presenza. Con Franca e Sebastiano andavamo a camminare lungo la strada che porta al bivio per... [continua a leggere »]
      Francesca Leone
      Composto domenica 30 novembre 2003
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Umiltà

        Svizzera 1968/1969

        Dopo una settimana di lavoro, il sabato, andavo a far la spesa a Laufen un paese a pochi chilometri da Zvingen. La stazione era vicina, prendevo il treno che mi portava e li facevo i miei acquisti. Un sabato ero di ritorno e mentre aspettavo il treno, in sala c'era una vistosa signora con un... [continua a leggere »]
        Francesca Leone
        Composto martedì 1 agosto 1995
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Umiltà

          Un Atto d'Amore

          Mi ero prefissa di stare a casa, di non partecipare a nessun pranzo, neanche al compleanno di mia figlia. Avevo bisogno di starmene sola, ero stanca dall'estenuante lavoro che mi imponeva di stare seduta molte ore al giorno. Quando palesai il mio pensiero, mio marito sorrise, poi, propose di... [continua a leggere »]
          Francesca Leone
          Composto domenica 1 dicembre 2002
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di