Racconti di Francesca Genna

Impiegata, nato venerdì 26 maggio 1967 a Trapani (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Fragolosa67
La mente dello scrittore è complessa. Egli è una persona che ha acquisito parecchie nozioni, esperienze, capacita e se è un buon operaio della scrittura gli tocca un compito ingrato ma nobile: spesso se decide di descrivere la società o il quotidiano può per spronare i suoi quattro lettori... [continua a leggere »]
Francesca Genna
Composto martedì 18 marzo 2014
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Fragolosa67
    Dune bianche e vento di scirocco. Un turbante e poca acqua con me. Non cammino, mi trascino tra la sabbia. Non vedo oltre il mio orizzonte null'altro che questo. Il mio cammello mi cammina accanto. Trasporta un barile di sale come se non ne sentisse il peso. Vorrei essere già arrivato fino al... [continua a leggere »]
    Francesca Genna
    Composto martedì 11 marzo 2014
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Fragolosa67
      Intervista:
      Un incontro speciale

      Oggi mi è stato presentato un dipendente.
      Ho venticinque anni di servizio mi ha detto.
      Anche io gli rispondo.
      Tu quando sei stata assunta?
      Nell'ottantotto dico.
      Io nel novantuno. Prima ho lavorato in un altro ospedale. Facevo il cuoco. L'ho fatto per molti anni...
      [continua a leggere »]
      Francesca Genna
      Composto martedì 4 marzo 2014
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Fragolosa67
        Credo che alle generazioni future dovremmo insegnare a guardare. Non come facciamo spesso noi ma a vedere oltre le cose apparenti. Ci sono due modi di vedere ciò che appartiene al nostro vivere: il guardare e soffermarci all'apparenza che spesso si abbina con l'estetica e la superficialità e il... [continua a leggere »]
        Francesca Genna
        Composto martedì 28 gennaio 2014
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Fragolosa67
          Chissà se il vero problema dell'uomo non solo contemporaneo, è la sua vanità.
          In nome di questo si diventa insensibili, si commettono errori, si uccide, si accumulano ricchezze da non spartire con nessuno. Per Vanità si è falsi e apparenti, si perde il senso della realtà e il lume della ragione...
          [continua a leggere »]
          Francesca Genna
          Composto martedì 24 settembre 2013
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di