Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Francesca Alleva

Scrivere, nato a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Francesca Alleva

Un'Acida che ama lo fa a 360°

Se una persona come me ti sceglie, se una persona scostante, insicura, indipendente, solitaria, che ama il sesso e non le persone, con la malinconia negli occhi, le sue dita tra le dita, educata non calorosa, ti sceglie, ne è sicura. Se ti ama ti ama, punto. Ti ama con il cuore che ti ha dato e... [continua a leggere »]
Composto lunedì 7 gennaio 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Francesca Alleva

    Una delle domande che più odio al mondo non è "come stai" è "cosa mi racconti?"

    Una delle domande che più odio al mondo non è "come stai" è "cosa mi racconti?". Quando me la pongono vorrei girarmi e strozzare chi l'ha posta. Cosa mi racconti, ma che cazzo di domanda è? Una favola vuoi che ti racconti? O la mia vita degli ultimi 235332 mesi in cui non ti sei fatto sentire... [continua a leggere »]
    Composto sabato 13 ottobre 2012
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Francesca Alleva

      Va così.

      Così va. Sempre. Ogni fottuto rapporto che (o)Dio manda in terra. Nella mia coerenza, nella mia fottutissima coerenza, io sono la persona più emozionale di questo mondo. Nella mia coerenza quando sento un "sì" io mi butto. Perché per me 'sì' è 'sì' non "forse" "domani" "non oggi". Perché sennò... [continua a leggere »]
      Composto martedì 18 giugno 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Francesca Alleva

        Vorrei trovare sotto al letto un foglio di carta

        Vorrei trovare sotto al letto un foglio di carta. Un biglietto, ad esempio, qualcosa della mia infanzia, un biglietto d'auguri, di un anno passato... ma passato come? Un biglietto, il biglietto di un amante, dolci e proibite parole intrise di silenzio e passione, lette con il cuore davanti agli... [continua a leggere »]
        Composto venerdì 3 maggio 2013
        Vota il racconto: Commenta