Scritto da: Violina Sirola

Cordelia

In un prato a ridosso di una rupe grossa quanto una casa, nuda e crepata dal sole, fiori vermigli irradiavano forti bagliori. Maturata pian piano sotto l'erba infuocata una forma di vita cominciò a spiegarsi: quattro arti nodosi e contorti si facevano carico del corpo di una scimmia andalusa, la... [continua a leggere »]
Flavia Ricucci
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Violina Sirola

    Devianze

    Da quando i bianchi hanno iniziato ad abbattere la foresta sono passati alcuni mesi, nel villaggio c'è atmosfera di terrore e di impotenza. Ogni colpo inferto alla foresta è una ferita aperta, i raggi del sole penetrano implacabili, disinfettano e inaridiscono.
    Himoo e Simed stanno pescando in...
    [continua a leggere »]
    Flavia Ricucci
    Composto nel 1984
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Violina Sirola

      L'Ombra della Luna

      Sul campanile della cattedrale l'orologio scandiva inesorabilmente il tempo mentre la luna soffice e bianca stava sospesa sopra i tetti. A quell'ora Leonardo Ventura correva sull'asfalto di velluto alla velocità del tempo incontro all'orologio della cattedrale. La moto s'impennò e Leonardo... [continua a leggere »]
      Flavia Ricucci
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Violina Sirola

        La mamma di Caino racconta

        Quando ho visto Caino tornare, ho chiesto:
        - e, Abele?
        Mi si è stretto il cuore. Lo sguardo era sfuggente sembrava un sacco vuoto. Poi diventò pieno; si, era pieno d'ira, quando indicò me col dito e mi urlò addosso:
        – Eravamo nel campo... tu, lo preferiviii!
        L'urlo si conficcò nel cuore!...
        [continua a leggere »]
        Flavia Ricucci
        Composto lunedì 25 gennaio 2010
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Violina Sirola

          La necessità non ha colori

          - È vero, sono venuta con voi perché ho fame. Datemi un po' di cibo, ma non chiedetemi di leccare i culi!
          - Vedi quella gazzella? La gazzella sa che, quando è giorno, esce dalla tana e dovrà correre, correre, correre. Altrimenti...
          - Altrimenti cosa?
          - Tu non sei una gazzella, quindi non devi...
          [continua a leggere »]
          Flavia Ricucci
          Composto lunedì 25 gennaio 2010
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di