Scritto da: Fiorella Cappelli

Il Viale

Il viale, scavalcava i platani e proseguiva dritto.
Decine di alberi si abbracciavano attraverso rami intrecciati di cupe ombre.
In terra, migliaia di foglie secche si distribuivano ad arricchire il marrone dei lati.
Una agave, con più di mezzo secolo di vita, sfoderava le sue spade affilate...
[continua a leggere »]
Fiorella Cappelli
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Fiorella Cappelli

    L'Angelo che non poteva camminare

    Un piccolo Angelo, senza piedi, fu mandato sulla terra dal Signore.
    Nel percorso celeste andò tutto bene, ma quando arrivò sulla Terra, si accorse di non poter camminare.
    L'Angelo, un po' triste, allora, si rivolse al Signore: "Signore, sono arrivato dove Tu mi hai mandato, ma come faccio ad...
    [continua a leggere »]
    Fiorella Cappelli
    Composto lunedì 7 dicembre 2009
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Fiorella Cappelli

      Piove

      È mattino e sembra non si sia ancora fatto giorno, tanto è nera la giornata!

      Piove. Piove da ieri e non smette.

      Quando piove, Roma si blocca.

      Le auto, lungo l'arteria alberata della nomentana sembrano file di processionarie... religiosamente, silenziosamente attaccate le une al dietro delle...
      [continua a leggere »]
      Fiorella Cappelli
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Fiorella Cappelli

        Poesie... così, su due piedi

        Le ballerine... presero posto sulla scena, poi arrivò lei, con il suo décolletè e fu il silenzio.
        Sapeva di averla Spuntata, la sala era Zeppa, l'odore intenso di Sandalo si percepiva ovunque, ma non mortificava il suo Chanel.
        Passo dopo passo, in punta di piedi affrontò il duro Zoccolo della...
        [continua a leggere »]
        Fiorella Cappelli
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Fiorella Cappelli

          Un cuore nella sabbia

          Lei camminava, piedi nudi, sulla sabbia.
          Capo leggermente girato verso destra, occhi rivolti a catturare la pienezza d'ogni onda che veniva addosso ai suoi pensieri. Era una spiaggia solitaria e tranquilla. Una di quelle spiagge dove le barche, scomposte e rivoltate conservano appena i colori...
          [continua a leggere »]
          Fiorella Cappelli
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di