Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Elisabetta

La cicala e la formica (la cicala e le formiche)

Capitolo: 336
Era d'inverno, e le formiche stavano asciugando il loro grano, che si era bagnato. Ed ecco che una cicala affamata andò a chiedere loro del cibo. Ma le risposero le formiche: "Perché durante l'estate non hai fatto anche tu provviste?" Rispose la cicala: "Non ne avevo tempo, ma cantavo... [continua a leggere »]
dal libro "Favole" di Esopo
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Elisabetta

    La gallina dalle uova d'oro

    Capitolo: 287
    Un tale aveva una bella gallina che gli faceva uova d'oro. Credendo dunque che all'interno di essa ci fosse una massa d'oro, le tirò il collo, ma trovò che era simile alle altre galline. Così, per aver sperato di trovare in essa un intero tesoro, restò privo anche del modesto guadagno. [continua a leggere »]
    dal libro "Favole" di Esopo
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: piumarossa70

      La gatta e Afrodite

      Una gatta che s'era innamorata d'un bel giovane pregò Afrodite di trasformarla in donna, e la dea, mossa a compassione dal suo amore, la cambiò in una bella ragazza.
      Così il giovane, vedendola, se ne invaghì e se la portò a casa.
      Ma mentre essi se ne stavano sdraiati nella loro camera nuziale...
      [continua a leggere »]
      Composto sabato 5 giugno 2010
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Elisabetta

        La tartaruga e la lepre

        Capitolo: 352
        La lepre un giorno si vantava con gli altri animali: "Nessuno può battermi in velocità" diceva. "Sfido chiunque a correre come me." La tartaruga, con la sua solita calma, disse: "Accetto la sfida."  "Questa è buona!" Esclamò la lepre; e scoppiò a ridere. "Non vantarti prima di aver vinto... [continua a leggere »]
        dal libro "Favole" di Esopo
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Elisabetta

          La volpe con la pancia piena

          Capitolo: 30
          Una volpe affamata a un tratto vide nella cavità di un albero pezzi di pane e carne lasciativi dai pastori. Introdottasi allora nell'albero, se li mangiò tutti. Ma essendolesi gonfiata la pancia, poiché non poteva più venir fuori, gemeva e si lamentava. Un'altra volpe che passava per di là... [continua a leggere »]
          dal libro "Favole" di Esopo
          Vota il racconto: Commenta