Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Donatella Fantauzzi

Organizzo la mia vita, nato martedì 15 gennaio 1963 a terni (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Donatella

Ciò in cui credo

Decisa la meta estiva per staccare dai problemi e deciso di andare in Montenegro, la prima cosa a cui penso è Medjugorje, ma il maltempo che c'era in quei giorni non aveva reso possibile andare al Santuario. Ogni volta che passavo davanti ad una chiesa, cristiana o ortodossa, entravo ed anche... [continua a leggere »]
Composto venerdì 30 dicembre 2011
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Donatella

    Cose che non si fanno più... ma che belle!

    Ripensando a quando ero una ragazzina un po' scalmanata, ancora rido a quella volta che in estate all'età di 9 anni insieme ai miei cugini, erano le due del pomeriggio, considerate che a quell'ora tutti gli adulti andavano a fare la "pennichella", (in campagna ci si alza di media alle 4 del... [continua a leggere »]
    Composto mercoledì 13 gennaio 2010
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Donatella

      L'amore che non passa con il tempo...

      Salivo quelle scale che avevo sempre fatto di corsa, perché sapevo che alla fine c'era lei. Ero una bambina, avevo sei anni, ma il ricordo è ancora vivo nella mia mente. Ogni volta che papà e mamma mi dicevano "dai che andando dagli zii oggi passiamo dalla nonna..." mi si illuminava il volto... [continua a leggere »]
      Composto martedì 13 aprile 2010
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Donatella

        Questa è l'Italia di cui sono fiera

        Il Laboratorio Cellule Staminali, Cell Factory e Biobanca di Terni ha ottenuto dall'aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), l'autorizzazione alla produzione di cellule staminali cerebrali umane utilizzabili per terapie avanzate sull'uomo, che ha quindi avuto inizio. La fondazione Cellule Staminali... [continua a leggere »]
        Composto sabato 22 gennaio 2011
        Vota il racconto: Commenta