Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Domenica Borghese

Paroliere iscritta alla SIAE, nato lunedì 13 ottobre 1980 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Domenica Borghese

Cos'è un miracolo?

Cos'è un miracolo? Beh, sembra difficile trovare una risposta ma, io posso dirti che, mentre mi sentivo un'anima sola e non riuscivo a trovare qualcuno in cui potermi specchiare per riconoscermi, ho iniziato a idealizzare un lui. Gli ho dato vita con la mia fantasia, e ogni sera, prima di... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Domenica Borghese

    Da donna ammiro solo una donna, mia madre.

    L'esempio vivente della vera donna, mai volgare; quella che non perde ore a truccarsi, ad atteggiarsi, né a spettegolare. Lei non indossava pellicce o abiti firmati, né oro né oggetti costosi per addobbarsi per portare in giro una sterile e finta bellezza. Lei non chiedeva regali per sé, lei... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Domenica Borghese

      E noi vogliamo essere insieme per sempre?

      Non facciamo l'errore che molti adulti hanno fatto con noi quando eravamo bambini, fingendo di sapere ogni cosa perché, a quel tempo, loro erano più grandi di noi e dovevano e volevano farci sentire protetti, al sicuro, dovevano tirar fuori la nostra fiducia lasciandoci credere che quando si... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Domenica Borghese

        Ho smesso di collezionare orologi.

        Quando ero bambina amavo collezionare orologi, crescendo però, ho compreso l'importanza del tempo che passa, e pur credendo di conoscere il suo trascorrere attraverso la misurazione delle ore, dei giorni e degli anni, chi può dire di conoscere l'istante esatto della nascita dell'Universo? Un... [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Domenica Borghese

          I numeri gridano, le persone parlano sottovoce.

          In mezzo a chi ti considera un numero tu sorridi, anche quando sui loro volti e nei loro sguardi si disegna un odio sottile che non trova senso, ma quando te ne accorgi è necessario chiudere il cancello per difenderti; i muri, se vogliono, lasciali innalzare a loro. Le maschere cadono quando... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta