Scritto da: Cleonice Parisi

Anche la Monotonia resta incinta

E se la Monotonia fosse la madre della Costanza, chi sarebbe il padre di tanta bellezza e chi la zia?

Queste sì che sono domande essenziali?

Riproviamo...

Quando in una vita apparentemente Monotona nasce il sole della Dignità?

Direi meglio!

Monotonia era incinta, una gravidanza mal...
[continua a leggere »]
Cleonice Parisi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Cleonice Parisi

    Astuta come una lucciola

    Talvolta i più grandi mutamenti hanno inizio grazie alle intuizioni del più piccolo degli esseri. Non conta che ruolo tu abbia nel vivere, sempre e dico sempre, potrai modificare il futuro del mondo. La vita è l'unico bene irrinunciabile che vedrà il suo realizzo solo se condiviso col mondo... [continua a leggere »]
    Cleonice Parisi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Cleonice Parisi

      Ausonia e l'abito eterno

      Quando il grande armadio della vita avrà a te schiuso le sue porte, scegli pure con serenità il tuo abito, sarà la tua essenza ad impreziosirlo e non l'inverso. Il tuo vivere non è in quello che avrai scelto di fare ma è nel come lo farai. Vivi con amore e qualsiasi abito tu abbia indossato... [continua a leggere »]
      Cleonice Parisi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Cleonice Parisi

        Capitan Cook e il viaggio gastronomico – La favola della Pizza e del Limoncello

        Ciurma si salpa, il vento è a favore, prima che la luna avrà vestito di luce la notte, avremo cambiato già molte rotte!
        La nave di Capitan Cook era in mare, le vele gonfiate dal vento, e il capitano a prua con il suo cannocchiale che perlustrava l'orizzonte. Era assorto nel ammirare lo...
        [continua a leggere »]
        Cleonice Parisi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Cleonice Parisi

          Carpe diem

          E tu gioia, luce del mio sorriso eri solita dire:

          Carpe diem. Cogli l'attimo amore, perché la vita è sì fuggevole cosa, ma la tua forte mano possa trattenere le mie vesti affinché il vento non mi sospinga lontano da questi lidi che amo ma che non più proclamo.

          Troppo fragile eri per...
          [continua a leggere »]
          Cleonice Parisi
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di