Scritto da: Cleonice Parisi

La Goccia e la Roccia – La favola del Circolo Eterno

Grande Cielo prendimi con te.
Implorava la Goccia.
Goccia, Goccia mai la tua voce taccia.
Gridava dal basso una grossa Roccia.
E la Goccia dalla sua nuvola, guardò in basso per sapere chi facesse quel fracasso.
Roccia perché questo interessamento verso una Goccia?
Tu sei acqua che irrora...
[continua a leggere »]
Cleonice Parisi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Cleonice Parisi

    La Letizia - I raccontini

    Il vento ne portava notizia, da lontano giungeva la Regina Letizia, e chi viveva nel portar cattiva notizia si accese di stizza.

    Il male incarnando una vecchia e arida signora decise allora, di allarmar ogni dimora, affinché sprangassero porte, e del viver conoscessero solo la morte.

    Fu...
    [continua a leggere »]
    Cleonice Parisi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Cleonice Parisi

      La Maledizione di Re Mida

      Voglio essere il sovrano più ricco del mondo. Dionisio ti imploro, fa che ogni cosa divenga oro!

      Re Mida rinnovava ogni giorno questa sua preghiera a Dionisio, tanto che la divinità stanca di ascoltarlo un giorno decise di accontentarlo:

      Da oggi la tua cupidigia sarà accontentata, tutto...
      [continua a leggere »]
      Cleonice Parisi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Cleonice Parisi

        La Mamma di Manna

        Ti dissi rendimi viva, e tu dicesti cammina il sentiero sino al pozzo nero e li disseta la tua sete.

        Io giunsi al pozzo e nel guardare le sue buie profondità, non scorsi acqua ma senza secchio come avrei confermato quel che credevo d'aver visto?

        Attorno non c'erano mezzi per attingere quel...
        [continua a leggere »]
        Cleonice Parisi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Cleonice Parisi

          La mano immonda - I raccontini

          Una mano oscura che alla vita voleva far paura, prese a minacciar il Sole che del mondo solo il sorriso vuole.

          Il Sole dal suo canto non se ne importò poi tanto. Infondo di mani il mondo abbonda, anche se quella era una mano immonda.

          Biricchino come un bambino, il Sole guardò la mano...
          [continua a leggere »]
          Cleonice Parisi
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di