Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Cleonice Parisi

L'Eternità

Sai dove vendono l'eternità?

Disse un bambino ad un vecchio uomo che scolpiva un pezzetto di legno con un coltellino, seduto su di un tronco.

L'eternità? E cosa te ne faresti piccino?

Voglio fare un regalo alla mia mamma, si chiama Monica.

Sta male?

Disse l'anziano uomo preoccupato...
[continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Cleonice Parisi

    L'Iperico Isterico - La favola del Fiore Medico

    Sono isterico, sono isterico, i s t e r i c o o o o o!
    Gridava il Fiore di Iperico e le sue urla presero ad agitar la culla dove riposava il Nulla, e il Nulla risvegliato disse agitato:
    Chi urla a perdifiato in questo anfratto del creato?
    E l'Iperico Isterico rispose:
    Sono troppo carico, ho...
    [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Cleonice Parisi

      L'Irragionevole Signore

      Il Dolore aprì la porta del cuore all'Irragionevole Signore, e dall'alto di quella torre che vede tutto quel che scorre, egli prese ad imporre:
      Venga portata a me la Mente, da oggi sarà il mio cavalier servente!
      La Mente venne trascinata in catena, e grande fu la pena.
      Inginocchiati umilmente...
      [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Cleonice Parisi

        L'Orcocaio, il Guaio e il Maestro Gaio. La favola del Calamaio

        Un'Ochetta dell'Ocaio che sapeva ben usare carta e calamaio, in un giorno terribile fu rapita da un mostro temibile, da tutti detto orcocaio.
        Ti mangerò con calma, cara Ochetta, eri dell'ocaio la prediletta e questa cosa a dir il vero mi diletta, perciò non avrò alcuna fretta.
        L'Ochetta prese a...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Cleonice Parisi

          L'orizzonte dell'Aquila Grigia

          Nei pressi del Fiume Grande si era stabilita ormai da tempo l'antica tribù dei Maoni, a capo dei quali vi era il grande re Atropos, da tutti soprannominato Aquila Grigia a causa del suo spiccato acume. Le frequenti battaglie, l'organizzazione sociale del popolo, e persino la funzione di giudice... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta