Scritto da: Chiara Garbuglia

C4.

Non capiva bene e non sapeva quale fosse il nome di tutto quello che stava accadendo. Come si chiama quando ti cade addosso un'emozione? Quando c'è qualcuno che prende la mira e colpisce, fa scoccare una freccia che ti prende? C4: colpita e affondata. Ecco, lei era una barchetta ciondolante in... [continua a leggere »]
Chiara Garbuglia
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Chiara Garbuglia

    Due corpi attaccati non rispondono al telefono

    Avevano molto da dirsi quella labbra: si parlavano, e se distanti, si urlavano d'avvicinarsi. Completamente indipendenti da ogni singolo centro nervoso, le lingue erano cavalli impazziti. Le mani, incoscienti e sfacciate, s'inoltravano in luoghi profondi. I muscoli non rispondevano ai comandi... [continua a leggere »]
    Chiara Garbuglia
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Chiara Garbuglia

      Due ragazzi che si salutano alla stazione dei treni

      Ogni volta che partiva, restavamo abbracciati a lungo. Un bacio, un abbraccio, un bacio, un abbraccio, un bacio. La gente che passava, guardava e sorrideva, perché fanno tenerezza due ragazzi che si salutano e si abbracciano e si baciano e si abbracciano e si baciano. Ma la gente non lo sa che... [continua a leggere »]
      Chiara Garbuglia
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Chiara Garbuglia

        In guerra per l'abbraccio

        Lui e lei erano così. Un giorno si parlavano, quello dopo no. Erano in guerra, in guerra aperta contro lo stesso nemico, che li attaccava senza sosta e tregua col sentimento della nostalgia. Perché quando qualcuno ti manca, altre braccia non potranno mai colmare quel vuoto. E loro erano così... [continua a leggere »]
        Chiara Garbuglia
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Chiara Garbuglia

          In silenzio.

          Quando facevano l'amore, lo facevano in silenzio. Era possibile ascoltare solo il rumore dei corpi che scivolavano sulle lenzuola, del respiro affannato che a tratti si spezzava. Si fondevano, si ricoprivano, si cercavo in un letto occupato solo per metà. E proiettati in quel caldo valzer... [continua a leggere »]
          Chiara Garbuglia
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di