Le parole del cuore come gocce di vita

La vita mi scorreva accanto fino a poco fa e mi sembrava spesso così impalpabile, quasi non potesse far parte di me... la vita sognata e desiderata, un richiamo lontano, senza mai incrociarne lo sguardo, come le cose che si inventano quando non si hanno. La vita come gocce d'acqua che ti fai... [continua a leggere »]
Anonimo
Composto domenica 12 maggio 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Fragolosa67

    Le parole di una madre italiana

    Cammino su una bella strada asfaltata sotto il cielo d'Italia. Sono nata qui, fra mille comodità e tante bellezze. In un paese potenzialmente ricco e dovrei essere fiera di lavorare in un ente pubblico ma non lo sono. Non conosco più la gioia di entrare dal portone principale e salutare con... [continua a leggere »]
    Anonimo
    Composto lunedì 24 giugno 2013
    Vota il racconto: Commenta

      Le proverbiali "mmoffe" di mia madre

      Si sa l'educazione di un figlio non è mai cosa facile, nessun metodo è assolutamente giusto o sbagliato.
      E a quei tempi, quando non era condannabile come adesso, mia madre usava a volte il "metodo ceffone".
      Ed era innamorata di questo metodo, anche se per fortuna mia non l'ha usato tante volte...
      [continua a leggere »]
      Anonimo
      Composto lunedì 12 marzo 2012
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: tomalb

        Lettera a un amore mai morto

        Se mi avessi dato la possibilità di parlarti ti avrei raccontato cosa sono diventata. Ti avrei detto che ogni giorno cerco un motivo per alzarmi dal letto, svegliare i bambini, portarli a scuola, cerco un motivo per mettermi un bel vestito o per truccarmi un po'... ogni giorno cerco la voglia di... [continua a leggere »]
        Anonimo
        Composto sabato 19 novembre 2011
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Magda

          Lettera ad un amore finito

          My dear,
          penso che se non ci fossimo mai conosciuti sarebbe andato tutto molto meglio, ma so per certo che il nostro incontro era stato scritto dal destino.
          Ricordo quel giorno in cui, nel traffico di paese, ti vidi all'interno di un'automobile grigia, era estate. Ci guardammo per qualche attimo...
          [continua a leggere »]
          Anonimo
          Composto martedì 26 aprile 2011
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di