Scritto da: Lady R.

Il bambino e il gelato

Qualche tempo fa, quando un gelato costava molto meno di oggi, un bambino di dieci anni entrò in un bar e si sedette al tavolino. Una cameriera gli portò un bicchiere d'acqua.
"Quanto costa un gelato tipo il Solero?" chiese il bambino.
"Un euro" rispose la cameriera.
Il bambino prese delle...
[continua a leggere »]
Anonimo
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: yyz

    Il blocco dello scrittore

    Non sapeva di che scrivere: se di bucolici giardini o di avveniristici paesaggi o ancora di squallide periferie. Non sapeva chi descrivere, in che modo descriverlo e perché descriverlo.
    Il foglio davanti a lui era semplicemente un intrico di scarabocchi, frasi cancellate e riviste, idee che...
    [continua a leggere »]
    Anonimo
    Composto giovedì 1 luglio 2010
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Bibi Boo

      Il colore viola

      Chissà quante volte vi sarà venuta voglia di fare qualcosa proprio mentre siete impegnati in altro. A me capita spesso, e troppo spesso lascio che questo desiderio irrefrenabile venga censurato dalla mia coscienza e dal senso del dovere. Oggi ho deciso di far tacere entrambi e abbandonarmi alle... [continua a leggere »]
      Anonimo
      Composto mercoledì 29 maggio 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Armando Laturo

        Il contadino e la pietra

        In tempi antichi un re fece collocare una pietra enorme in mezzo ad una strada. Quindi, nascondendosi, rimase ad osservare per vedere se qualcuno si sarebbe preso la briga di spostare la grande pietra che troneggiava in mezzo alla strada.

        Alcuni mercanti ed altri sudditi molto ricchi...
        [continua a leggere »]
        Anonimo
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Yang Tzu

          Il contadino saggio

          C'era una volta un contadino cinese, era molto povero, per vivere lavorava duramente la terra con l'aiuto di suo figlio, ma possedeva il grande dono della saggezza.
          Un giorno il figlio gli disse:
          - Padre che disgrazia, il nostro cavallo è scappato dalla stalla!
          - Perché la chiami disgrazia...
          [continua a leggere »]
          Anonimo
          Composto mercoledì 21 novembre 2012
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di