Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Ada Roggio

Scrivo

Scrivo in versi, prosa e poesia, la storia potrebbe essere la tua, la vostra, la loro, la mia scrivo su un quaderno fatto con fogli di cemento perché la pioggia non cancelli ogni evento. Scrivo qui in questa macchina infernale, scrivo, lei corregge, è micidiale le notizie in un batter d'ali le... [continua a leggere »]
Composto giovedì 4 luglio 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Ada Roggio

    Signore 2°parte

    Quel giorno. Dopo essere uscita dalla Cattedrale di Santa Maria Maggiore, mi sentivo rinata con tanta voglia di pregare; ma ad un tratto quelle strade antiche al mio passaggio sembravano piano piano stringersi sempre di più. Le donne dinanzi all'uscio; che raccontavano il passato, ad un tratto... [continua a leggere »]
    Composto sabato 28 maggio 2011
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Ada Roggio

      Tutta colpa di quel rosario

      Un giorno qualunque entrò in quella stanza una donna dall'animo delicato, molto fragile.
      Mi accorsi che il suo viso era segnato dal dolore, un dolore lancinante.
      Nel mentre parlavamo di piccoli accenni della vita, del dolore che le stava togliendo tutto piccoli accenni,
      capì.
      La lasciai un...
      [continua a leggere »]
      Composto mercoledì 3 settembre 2014
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Ada Roggio

        Un giorno anch'io

        Un giorno anch'io dovrò morire. Ho pensato un po' su, e ho deciso quel che voglio. Mi sento di morire al sol pensiero di ciò che ho da dire. Sento la mia anima dire: dai su, un po' di coraggio, prima o poi tocca a tutti questo passaggio. Ma stà zitta le dico, non vedi come sto male, al sol... [continua a leggere »]
        Composto mercoledì 26 giugno 2013
        Vota il racconto: Commenta