Scritta da: Walter Infusino

Anima

Interminabile autostrada
lei, leggera e cieca.
Strusciando attraverso insensate brezze
urla dionisiaca quotidiana ebrezza
gustando l'amaro sapore
l'incosciente amore
lei, in un tragico sopravvivere
osserva, ascolta e sorride
toccando il bollente tepore
straziante dolore
lei, senza più tormento
sputa il suo veleno
e felice si addormenta.
Composta martedì 27 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di