Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Vincenzo Domenico Panella

'A zeppola

Annanza 'a vetrinetta d'a pasticceria
nce stanne dduje signure allicchettate
me parene milord decaduti a vossignoria
è na' mez'ora e niente hanno accattate

la loro riflessione verte sulle zeppole
chell' 'e San Giuseppe per capirci
c'è chi dice ca' son meglio quelle frittole
e chi del forno ne farebbe dei capricci

Sai mio caro amico fedelissimo
le zeppole fritte son la delizia del palato
ma no amico mio carissimo
quelle al forno son le prelibate

E' mez'ora ca senza pruvà discuteno
io mo' lle rico qual è 'o penziero mio
ca' si vo capì capisceno
sinnò mo' levo 'o sfizzio a modo mio

Scu-usato se m'i-i-introme-e-etto
senza-a-a chieder' 'o pe-permesso
m'a-a-annanz' 'a chesta ve-e-etrinet-ta
rimango amma-ma-malucco e fes-so

la vo-ostra osse-e-ervazio-one
è pri-iva di ogni ef-fetto,
si nun pru-uvato nun teni-ite co-ognizi-ione
com-me penza-ate d'es-sprimere il co-oncetto

me guardene comme pe dì chi è costui
che s'intromette nei pensieri nuosti
mica gli abbiamo dato canzo a lui
noi di nobbile casata imposta

ma io nun facette caso a la taliata
e a loro n'ata vota m'arrivulgette
cu' sta parlata mia nu' poco 'ncacagliata
nzinganno 'o bene 'e Ddio dint' 'a vetrinetta

A-avita sapè-è na cosa mi-iei si-ignori
ch' 'a zep-pola in o-ogni caso si-ia
'o fu-urno o fri-it-ta in olio vero
rignu-uta pur' 'e-e crema da pa-atic-ceria

re-estar-rà se-empe na' deliz-zia
e se-e voi mi-ei si-ignori pre-emet-tete
d'of-frir-vi questo sfiz-zio
vule-esse se ma-acari voi non pote-ete

me guardano strammate cchiù de mò
come si permette - vulessene dì - che affronto
ma po' è cchiù fort' 'a voglia de' pruvà
uno sa piglia fritta e n'ato la chiede al forno.
Composta venerdì 28 marzo 2014
Vota la poesia: Commenta