Scritta da: Stefano Pettinelli

Uno sfondo adatto ad ogni storia

Il cielo si chiude con un sipario di nuvole.
Un portone scuro a tenere fuori le stelle ed i pianeti viaggiatori.
Il palcoscenico è vuoto.
Mancan gli attori
I clown e i giocatori
La musica e il canto.
Anche la Luna si nasconde al teatro del mondo.
Solo un piccolo grido, un inchino
un occhio di bue sui fondali del mare.
Lontano... un lampo
Frustava il cielo rompendolo giù a dirotto
scintilla di una mano oscura
che scolpiva la notte.
Lacrime disciolte di ombre di anime deserte
sugli scogli anneriti come carbone
sui lavatoi scavati dal vento
a lavar le sabbie bianche
Tra le braccia disgiunte
reti tirate su le spalle ad asciugare
tra le vertebre di barche
rovesciate tra le dune calde
nell'oblio di un giorno scorso come un nodo
Una nuvola di polvere
si alzava in piedi tirata su dal vento
si allungava si ricompattava
mutava forma
lieve tornava a sdraiarsi in quella quiete sospesa
in quello splendore di cose sincere.
Desiderio di un abbraccio sospirato
ali come braccia per stringersi
cosi forte da richiamare il sangue
Un mare di sogno avvilito
sfinito tra le onde false
di un desiderio appagato.
Tra le maglie larghe s'insinua
un alito di vento che mi scuote
accende i pensieri
divampano i ricordi
dà fuoco al tempo.
La frivola ricerca del maggior frutto
arenatasi in questa vita presente
immobile adesso
rivolta indietro
verso un passato perplesso.
Oltrepassare lo spessore della bolla del mondo
Prima spesso sognavo di saperlo fare.
Un mare lontano,
un cielo distante
una terra straniera,
trame di partenze e ritorni
Mai distanze vertiginose. Mai salite impossibili.
Solo un posto lontano. A cambiare l'orizzonte...
Lanciare un occhiata distante. Allungandola.
Un rettifilo insistito di passi uno dietro l'altro
percorsi sulla strada maestra,
fors'anche di una via di mezzo.
Ad acchiappar l'ignoto
senza quest'essere mulo che arranca
tra le creste sassose
di franose macerie
sentieri di un unico percorso
tra sofferenza e solitudine.
In apnea tra le pagine di un libro
ormai cancellate dal tempo.
Composta venerdì 1 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di