Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da RITA MARIANNA

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: RITA MARIANNA

Olmo bianco maestoso

Olmo bianco maestoso,
rivestito di fiori primaverili,
odorosi di terra boschiva,
troneggi immobile,
statua scolpita e forgiata
nel marmo.
Sei ombra fresca,
riparo di tempesta.
Animate dal vento, le fronde,
danno vita a fruscii sonori di foglie,
che danzano lievi e soavi
ai mormorii d'amore.
Illuminato dalla luna,
grandioso e solenne,
nella semioscurità abbracci il cuore dolente,
lo accarezzi delicatamente,
conforti l'anima sopita e riparata da abbagli svelati.
Olmo bianco imponente,
ti sei innalzato fino al cielo che ha il colore dei tuoi occhi,
cercando la verità della vita
e l'hai trovata nell'amore.
Composta mercoledì 24 aprile 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: RITA MARIANNA

    Passi veloci

    Passi veloci si allontanano,
    presa per mano la pesante
    valigia colma di ricordi,
    lascia spazio all'espandersi del cuore.
    Non è più rigoglioso e forte,
    grandi lividi lo attraversano,
    percosse dolorose hanno costruito
    consapevolezza, tolleranza e saggezza.
    Lasciano in bocca l'amaro della resa
    sul campo per anni combattuto.
    Passi veloci si allontanano
    dal dolore, dalle battaglie di un amore vile, perso
    e mai riconosciuto.
    Passi veloci si allontanano,
    presa per mano la pesante valigia
    colma di raggi di sole che brilla all'alba
    di una nuova stagione.
    Composta mercoledì 24 aprile 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: RITA MARIANNA

      Dove sei

      Dove sei,
      in che parte del mondo,
      in quale angolo sperduto ti trovi?
      Perché non qui con me?
      Non ancora.
      Il tempo passa e non guarisce tutte le ferite
      molte restano a sanguinare.
      Ho bisogno di presenza,
      di abbracci sinceri sotto stelle luminose,
      di dolci, uniche e preziose parole solo per me,
      che scalino le vette più alte delle montagne.
      Di presenza costante e confortante.
      Dove sei?
      Aspetto da sempre, uomo dolce e sincero
      dall'anima profonda e splendente,
      sorriso disarmante, sguardo immenso.
      Dove sei.
      Composta martedì 16 aprile 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: RITA MARIANNA

        In bilico

        In bilico
        In bilico sul filo
        della vita
        sospesa
        oscillo
        Il sole mi bacia
        asciuga le lacrime
        con il suo dolce e caldo tepore.
        Stanca
        avanzo lentamente
        Tempeste di pioggia
        hanno percosso
        il mio fragile corpo
        Il tempo
        piegherà
        i miei arti
        non avranno più equilibrio
        cadrò nel vuoto
        dell'infinito mistero.
        Senza ali lascerò
        che mi conducano
        chissà dove…

        Desidero essere acqua
        di ruscello che disseta
        che dai monti scorre fino in piano
        fiorente tra i boschi profumati di faggio
        L’ eco di suoni scroscianti su pietre
        levigate dal tempo
        Rugiada del mattino
        stille
        sui fiori variopinti
        odorosi e fragranti
        che si dischiudono all'alba
        Onda del mare che con moto perpetuo
        s'infrange sugli scogli
        intonando  soavità celestiali
        di segreti strappati alla notte.
        Composta sabato 13 aprile 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: RITA MARIANNA

          Urla soffocate

          Urla soffocate
          Quella stanza dal soffitto bianco
          luci d'ombre al chiarore della fioca luce
          della lampada,
          sospiri vissuti con pena.
          Irrigidita negli arti e nel cuore,
          l'anima prigioniera non evade
          e il pensiero si oscura.
          Si delineano riflessioni sul bene e sul male
          Impedendo la felicità del momento.
          Quell'amore, forse non amore,
          grande, forse non così grande
          squarcia nel petto urla soffocate.
          Vota la poesia: Commenta