Poesie inserite da RITA MARIANNA

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: RITA MARIANNA

ANIME

Siamo anime cupe, impalpabili di solitudine,
apriamo varchi alla notte, che s'inoltra e s'infittisce nei pensieri,
nei ricordi e sotto la pelle ruvida.
Locomotive lanciate a forte velocità,
rincorriamo la luce della coscienza.
Siamo mari in alta marea privi di battima per passeggiare sul cuore,
bramiamo di non annegare nelle paure delle nostre ombre.
Riflessi del mondo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: RITA MARIANNA

    Sento il tuo canto

    Sento il tuo canto infranto,
    è una spina amara
    che frena il mio sospiro,
    che lacera il mio seno,
    ricordo e pena che sfioriscono l'anima.
    È canto lacrimoso d'esitazione il rimpianto,
    che dal buio della tua ragione
    arriva al tuo cuore.
    È canto che osa da lontano,
    saturato dal tempo che inesorabile
    ha coperto di fitta neve
    piccoli germogli mai cresciuti.
    Il tempo è tempo e trasforma ogni cosa,
    è ago di bilancia che riequilibra l'universo,
    l'anima afflitta e le condanne del cuore.
    Composta sabato 17 dicembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: RITA MARIANNA

      Invisibile

      Grevi sono i tuoi passi stanchi,
      si muovono lenti in questa bruma
      che tutto avvolge.
      È invisibile nel petto il tuo cuore,
      appannato e intorpidito,
      distante dalle trepidanti emozioni,
      legato a un vissuto da dimenticare.
      Si nascondono caparbiamente in un angolo buio dell'anima,
      i ricordi, che oltraggiano il presente.
      Sul tuo volto di pietra
      una maschera macabra sorride alla gente,
      che ti sfiora indifferente.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: RITA MARIANNA

        Il pensiero di te

        Non scivola sereno
        il pensiero di te,
        si ferma in una stanza oscura
        del cuore e rimane là
        angosciato e pauroso.
        Penso a voi "piccoli" uomini,
        cui hanno sbarrato le porte del mondo.
        Sono stati coloro che
        divorati dal proprio egoismo
        hanno bruciato tutti i valori,
        e vi hanno lasciato con il mostro
        che divora
        le volontà deboli
        di chi non crede nel proprio coraggio
        e nella lotta per un mondo migliore.
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di