Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie inserite da Randle Mcmurphy

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Randle Mcmurphy

Lo specchio

Ogni vorta che vado dar barbiere,
ner vede quela fila de me stessi
allineati come tanti fessi
ner gioco che me fanno le specchiere,
nun posso sta' se nu' je fo un versaccio
pe' vedelli rifà quelo che faccio.
Metto fòra la lingua e cento lingue
me rifanno la stessa pantomima;
ogni testa ubbidisce: da la prima
all'urtima, ch'appena se distingue,
pareno ammaestrate a la parola
sotto er commanno d'una guida sola.
Se invece penso a te, ciumaca mia,
nun potrei garantì che, ner ricordo,
queli me stessi vadino d'accordo
come ner gioco de fisonomia;
anzi, quarcuno dubbita e me pare
che nun veda le cose troppo chiare.
Qualunque idea me nasce ner cervello
se cambia così presto e così spesso
che nun fo in tempo de guardà me stesso
che già er pensiero mio nun è più quello.
Immaggina un po' tu quello che sorte
da un omo che riflette cento vorte!
Ciò fatto caso giusto stammattina;
dopo d'avemme insaponato er viso
er barbiere m'ha chiesto a l'improviso:
- L'ha più rivista quela signorina?
- Chi? - dico – Bice? - E m'è rimasta come
la bocca amara né ridì quer nome...
Subbito cento bocche, tutte eguale,
piegate ne la smorfia d'un dolore,
hanno inteso er rimpianto d'un amore,
hanno ridetto er nome tale e quale;
ma quant'idee diverse! quante cose
leggevo in quele facce pensierose!
Io dicevo: - Ormai tutto sfumò... -
E quelli appresso: - Certo... - Chi lo sa?...
- E se tornasse? - Che felicità!
Ce faccio pace subbito... - Però...
Doppo quela scenata che ce fu...
è forse mejo che nun torni più.
- Me ricordo li baci de quer giorno...
- E quelo schiaffo che j'appiccicai...
- Si, feci male... - Feci bene assai!
Ciaveva un conte che je stava intorno...
Era un'infame... - Un angelo... - Una strega...
- Chi se la po' scordà? - Chi se ne frega! -
E scoprivo in ognuno un pentimento,
una gioja, un rimorso, un desiderio...
Ma quanno me so' visto così serio
m'è venuto da ride... E tutti e cento
m'hanno risposto, pronti a la chiamata,
con una risatina sminchionata.
Composta venerdì 11 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Randle Mcmurphy
    Sono molte le civette
    che non sanno altri canti
    oltre le proprie strida.
    Li conosciamo, tu ed io,
    gli impostori che rendono onore
    solo a un più grande impostore,
    e portano al mercato
    la propria testa in un cesto
    per venderla al primo che passa.
    Conosciamo il pigmeo
    che insulta l'uomo del cielo.
    E sappiamo
    cosa dice la mala erba
    della quercia e del cedro.
    So dello spaventapasseri:
    le sue sporche e lacere vesti
    si agitano sul grano
    e al vento sonoro.
    So del ragno senz'ali:
    è per gli esseri alati
    che intreccia la rete.
    Conosco gli abili suonatori
    di corno e di tamburo,
    che nel loro frastuono
    non sentono l'allodola
    né il vento di Levante nella foresta.
    Conosco quelli che remano
    contro ogni corrente
    senza trovare mai la sorgente,
    e percorrono tutti i fiumi
    senza osare mai avventurarsi nel mare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Randle Mcmurphy

      La Rassegnazione

      Er cortiletto chiuso
      nun serve a nessun uso.
      Dar giorno che li frati della Morte
      se presero er convento, hanno murato
      le finestre e le porte:
      e er cortile rimase abbandonato.
      Se c'entra un gatto, ammalappena è entrato
      se guarda intorno e subbito risorte.
      Tra er muschio verde e er vellutello giallo
      ancora s'intravede una Fontana
      piena d'acqua piovana
      che nun se move mai: come un cristallo.
      O tutt'ar più s'increspa
      quannno la sera, verso na cert'ora,
      se sente stuzzicà da quarche vespa
      o da quarche zampana che la sfiora.
      Pare che in quer momento
      je passi come un brivido: un gricciore
      su la pelle d'argento.
      Eppure sta Fontana anticamente
      se faceva riempì da un Mascherone
      che vommitava l'acqua de sorgente:
      un'acqua chiara, fresca, trasparente,
      che usciva còr fruscìo d'una canzone
      e se la scialacquava allegramente.
      Dar giorno che nun butta,
      er vecchio Mascherone s'è avvilito:
      forse je seccherà d'esse finito
      còr naso rotto e cò la bocca asciutta.
      Perché de tanto in tanto
      guarda sott'occhio la Fontana amica
      e pare che je dica:
      - Nun m'aricordo più se ho riso o pianto.
      T'ho dato tutto quello ch'ho potuto,
      fino all'urtima goccia c'hai bevuto
      pe' la felicità de statte accanto! -
      Ma la Fontana è sorda:
      nun pensa, nun ricorda...
      Resta tranquillamente a braccia aperte
      e ancora se diverte
      cò quer po' de sussidio che riceve
      da la pioggia che casca e certe vorte
      perfino della neve...
      e manco fa più caso
      ar vecchio Mscherone senza naso.
      Composta venerdì 11 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta