Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Patrizia

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Patrizia

l'amore

Questo amore che fa penare tutti,
ci tiene imprigionati, legati perché un emozione ci prende
e ci penetra nelle vene, l'amore è come un bambino
ingenuo, fresco, senza maschere, che sorride
ci accarezza e ci bacia, ci chiama ci vuole,
ma succede sempre che qualcosa non va bene
si cade si batte e ci si fa male e poi si piange.
Composta domenica 28 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Patrizia

    Papà

    Vorrei essere una buona madre di te Papà
    Non è un gioco di parole
    ma è proprio cosi
    vorrei prendermi cura di te
    e poi vorrei riprendermi
    tutti quegli abbracci
    che non ho mai avuto
    il coraggio di darti un bacio sulla fronte
    ma la sua distanza mi fa morire dentro
    mi mancano i tuoi consigli
    i suoi racconti di un tempo
    le espressioni del tuo viso, il tono della tua voce
    i tuoi occhi vivi,
    il tuo sguardo guardingo
    la tua trasparenza nel dire le cose
    il calore del tuo abbraccio
    Papà ti mando un raggio di sole...
    prendilo e tienilo nel tuo cuore per scaldarti.
    Composta mercoledì 17 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Patrizia

      Distanza

      Voglio restare ad aspettare chi mi cerca,
      sappiamo che i nostri letti sono lontani
      sappiamo che i nostri cuscini sono diversi
      a noi ci separa lo spazio,
      ma abbiamo il tempo di vivere le emozioni
      voglio viverti, voglio assaporarti, voglio amarti
      in silenzio solo rumori di noi dei nostri corpi che si muovono
      armoniosamente sincronizzati insieme per vivere e respirarci,
      voglio restare ad aspettarti.
      Composta venerdì 12 ottobre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Patrizia

        Ti scrivo

        Mi siedo comoda e scrivo di te e dei tuoi difetti,
        dei tuoi rimproveri, delle negazioni, delle tue assenze,
        scrivo quello che c'è tra te e me,
        quello che sento, quello che voglio,
        delle mie emozioni, delle tue emozioni.
        Scrivo dei miei desideri, ma poi tolgo delle bugie,
        degli imbrogli, quello che non ho capito
        e quello che credo di aver capito
        tolgo quello che mi fa paura,
        quello che può essere frainteso, combattuto, dimenticato,
        perso, vomitato e trascurato.
        io ho sempre la porta del mio cuore aperta per te,
        per le briciole che mi doni, o per le parole che mi dici.
        Ti voglio quando sono triste,
        ti voglio quando sono felice
        e quando non ci sei mi manca il vivere.
        Composta venerdì 12 ottobre 2012
        Vota la poesia: Commenta