Scritta da: Maria Rosaria Di Lella

Il Mio Spirito Libero

Di notte i pensieri
sono sempre più forti:
nel buio tutto tace,
tranne la mia anima
Nella notte ritrovo
quella parte di me
che io soltanto conosco,
non ha importanza
se essa è dolorosa:
è nel dolore che
mi sono formata.

Mio Dio, molte volte
mi pongo
e ti pongo domande
e nel tuo silenzio
mi smarrisco

Con la fantasia
dipingo il tuo volto:
per rafforzare la mia fede
convinco me stessa
che, se non rispondi,
è che sei ancora arrabbiato
per la croce che
ti abbiamo dato
e cosi rassegnata,
abbraccio la tua e la mia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maria Rosaria Di Lella

    Ti scrivo con i fiori

    Nel bosco ombreggiante di verde
    ho intrecciato fresche ghirlande
    di fiori, che gioiosi e lieti
    cantano il mio amore.

    Col cuore giovane e innamorato
    per te sfogliavo margherite,
    con l'eterno ritornello
    mi ama? O non mi ama?
    Sotto un profumato fior d'arancio
    tremante raccolsi il tuo primo bacio
    e tutti i nostri si...

    Un bocciolo di rosa rossa
    si schiuse alla passione
    le rose non sono senza spine
    qualcuna trafisse il mio cuore

    Nel tuo incantato giardino
    mi chiudesti
    con profumate violette
    stordivi il mio cuore
    che tutto ti perdonava.

    Ora che la stagione è mutata
    regalo alle stelle e al vento
    questo mio canto d'amore,
    che il timido non ti scordar di me
    sull'erbetta verde
    ha scritto per te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Maria Rosaria Di Lella

      A mia madre

      Sempre mi dicevi:
      "Perché non mi dedichi una poesia?"
      Io non ti rispondevo.
      Tu abbassavi lo sguardo
      e ti arrendevi.

      Ora che non ci sei più
      il mio cuore ti parla così:
      dolce era il tuo viso,
      i tuoi occhi sempre scrutavano i miei
      perché tanta era la voglia
      di sapere se io ti amavo

      Sempre sfuggivo da questa tua muta domanda.
      Ora che tu sei fuggita per sempre da me,
      sono io che ti parlo
      e tu resti muta.

      Adesso sono io che abbasso lo sguardo
      e sottovoce ti dico
      Mamma ti voglio bene:
      perdonami.
      Composta lunedì 9 settembre 1996
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maria Rosaria Di Lella

        L'inevitabile

        Inevitabile è la pioggia che cade
        inevitabile è l'onda del mare
        inevitabile è il corso del fiume
        nulla può impedire
        al cielo di avere le sue nuvole
        al mare le sue onde
        al fiume il suo percorso
        all'uomo il suo dolore
        non ha importanza quanto sia alto
        il lancio di una palla verso il cielo
        inevitabile sarà la sua caduta
        tutto l'inevitabile
        è inarrestabile.
        Composta venerdì 25 maggio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Maria Rosaria Di Lella

          Vorrei

          Vorrei capire fino in fondo
          il tuo spirito sconosciuto
          vorrei comprendere dalla tua voce
          e con te ragionare.

          Vorrei misurare le tue debolezze
          e le tue forze
          vorrei ornare i tuoi pensieri
          delle mie meraviglie
          per calmare un dolore
          che tradito tace.

          Vorrei che tu fossi la mia felicità
          come io la tua
          vorrei sopportare meglio
          questa tua anima irritata
          per non irritare la mia.

          Vorrei un cuore meno cieco
          per meglio capire
          che tutti i miei vorrei
          mai sono stati i tuoi.
          Composta mercoledì 4 luglio 1990
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di