Scritta da: Marco Emilio Boga

Gabbiano

Il sole saluta l'uomo
sta per immergersi nel mare
proprio come lui
impavido cacciatore
che tenta un ultimo assalto
alle ignare vittime
tra la spuma e le onde
non teme l'ignoto
quel profondo blu
si tuffa a capofitto
perché questa è vita
sentire il profumo di salsedine
afferrare la carne
gustarsi il pasto meritato
e poi tornare a volare alto
nel cielo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Emilio Boga

    Il volto dell'amore

    Nascosto agli altri
    tieni segreto
    della tua vita
    del tuo essere
    appari sincera
    ma ai miei occhi
    sei più
    di questa metà
    o un quarto
    sei una vita intera
    d'eterna bellezza
    un dolce sorriso
    nascosto
    falso per molti
    sincero d'infantile bellezza
    per leone ferito
    i tuoi occhi verdi
    ambrati nel midollo
    investiti da onde
    d'azzurro
    specchio di vita
    d'amore mai spento
    illuminati
    da fini punti
    che rallegrano
    il viso
    di gioia estiva.

    Potrai mentire agli altri
    potrai mentire alla mente
    ma mai al cuore
    e a me, tuo amante.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Emilio Boga

      Segno

      Ti prego
      lascia ch'io sia qualcosa di diverso
      che polvere portata dal vento.
      Lascia che sia cuore per portarti amore
      lascia che sia fuoco per poterti scaldare
      lascia che sia una lacrima
      per poter accarezzare il tuo viso
      e consolarti nei momenti più tristi.
      Lascia che sia un segno
      in questa breve vita
      un segno
      nella tua vita
      un segno
      nel tuo cuore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Emilio Boga

        Anima

        Ella venia incontro col petto rotto
        troppe percosse avea subito il core
        carco di un'emozion sì forte
        che a lungo illuso l'avea.

        Per ore ed ore le lagrime
        il viso rigar senza sosta
        per amor non corrisposto
        per un desiderio irrealizzabile.

        Il color della pelle è ormai spento
        pallida in volto, al vento
        non più grida.

        Solo silenzio di nullità.
        Non più battiti e amore.
        Solo morta ed incolore.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Emilio Boga

          Profumo di vita

          Si svegliò di soprassalto.
          Il cuore batteva all'impazzata.
          Era forse colpa di un incubo?
          No.
          Anzi, aveva fatto un sogno bellissimo.
          Eppure gli mancava il fiato.
          Qualcosa premeva sulla sua testa e lo schiacciava.
          Gli occhi gli facevano male.
          Le mani tremavano.
          L'aveva vista.
          E non riusciva, anche ora che era sveglio, a far svanire quella
          visione, quel ricordo, quel profumo.
          Il profumo di lei era nell'aria, nella testa.
          Era profumo di vita.
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di