Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da LUCIANO SOMMA

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: LUCIANO SOMMA

'O bbenè e nu cane

E' 'o meglio amico, 'o meglio cunfidente,
me sape fa' na bbona cumpagnia;
quanno le parlo isso me tene mente
appizza 'e rrecchie e guarda 'a faccia mia.

'Stanotte, all'intrasatto, m'ha parlato,
napulitano cchiu' 'e nu vasciajuolo,
e i' so' rimasto tanto 'mpressiunato
che d "a paura sto' tremmanno ancora.

M'ha ditto: Neh, padro', quanto si fesso
a nun capi' ca 'o munno e' malamente,
te lusinghe 'e sta' 'nzieme 'a ggente onesta
e' invece songhe 'a scumma d" e fetiente.

Ormaje ha perzo "e lumme d" a raggione
e va facenno sulo scemita ";
addo' sta' cchiu' nu pizzeco 'e passione
nu surzo 'e sentimento, 'e carita'?

Io so' nu cane 'e razza! Cane 'e caccia!
Ma nun levo 'o saluto a nu bastardo
'o dongo l'osse meie e nun 'o scaccio
me putarria magna' mentr'isso guarda?

" E vvote tu me vatte e io te perdono
dimme, che ce vulesse a muzzeca "?
Vuje uommene 'o tenite chistu dono?
V" a putite scurda' na 'nfamita'?

Vall'a truva' 'ncopp'a sta terra n'ommo
ca se facesse accidere pe' nato;
invece io te pruteggo pure 'o suonno
e zompo "ncuollo a chi cu tte" ha sgarrato.

Padro', pircio' perdoname si 'e vvote
io faccio cose che n'avessa fa'
ma si pure me lazzarie 'e mazzate,
io acalo "a capa e resto sempe cca".

Ricuordate: Tu staje dint'a stu core,
nu core ca nun sape maje "nganna",
e si m'astrigne io 'nfaccia a tte assaporo,
cu' n'alleccata, ogni felicita'.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: LUCIANO SOMMA

    Cronaca

    E tutt "e juorne 'a stessa tiritera
    Sule disgrazie maie nutizie allere
    Uommene accise spisso a tradimento
    Senza pietà, senz'ombra 'e pentimento.
    'A droga, 'o cuntrabbando, l'estorsione,
    s'allargano pe' tutt" e vvie d "o munno
    pe' tutt" e rrazze e tutt "e religgione,
    st'umanità va sempe cchiù a zeffunno!
    Qua' Pasca, Quà Natale ccà è n'inferno
    Manche dint" e cunviente ce stà pace
    Chisà che sta facenno "o Pataterno
    Vurria saperlo pe" me fa capace.
    Ma forze nun ci'azzecca simme nuie
    C'avimmo perzo 'o bbene d "a cuscienza
    'mpietto tenimmo 'o ffele ca ce struie
    E 'a mmeritammo chesta sufferenza.
    'A vita è dono 'e Dio diceva 'o nonno,
    povero viecchio comme se sbagliava,
    chesti criature d'ogge comme ponno
    campà comme na vota se campava.
    Ogge chesto hadda scrivere" o pueta
    Senza truvà né pace né arricietto
    Si guarda annanze e si s'avota areto
    Nun po "truvà nisciuno atu suggetto.
    'Ncopp" a nu foglio 'e carta 'nfuso 'e chianto
    Mette 'a cronaca d'ogge pecch'è storia
    "e chisti vierze nun se ne fà vanto
    So" sultanto parole senza gloria!
    Vota la poesia: Commenta