Scritta da: IsadoraWing

Sussurri & grida

Io e te siamo dello stesso cattivo sangue.
Ci accomunano gli egoismi
della solitudine cronica,
gli abissi e i deliri delle lune calanti,
le strette di mano simulate
per darsi coraggio.
L'ambizione ci divora le carni
come un lupo affamato.
Hai occhi neri come il vuoto
e vuoto è il tuo cuore.
Ci infilo una mano:
posso toccare la tua tristezza
adesa alle pareti come vernice fresca,
posso stringere tra le mani
i tuoi sogni infranti
come tanti impiccati appesi
a testa in giù,
a penzolare per l'eternità.
Siamo della stessa razza:
ossi così duri
da rompere i denti alla vita,
da lacerare le vesti candide dell'amore,
da distruggere la bellezza dei nostri stessi desideri.
Siamo lo stesso vento che vola tra gli alberi di una foresta
baciata dalla primavera:
i nostri sussurri sono le nostre grida.
Composta lunedì 11 luglio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: IsadoraWing

    Distesa sul letto del niente

    Distesa sul letto del niente
    invoco il tuo nome.
    Distesa sul letto del niente
    mi scrollo di dosso la polvere dei tuoi sguardi.
    Distesa sul letto del niente
    rileggo le mie poesie su di te
    diventate d'improvviso
    rebus irreali,
    parole incredibili
    soffiate nello spazio di un singhiozzo,
    laconici sussurri
    di labbra segnate da destini nefasti.
    Distesa sul letto del niente
    pettino i miei ricordi con cura esiziale,
    ricerco tra le righe dei nostri libri
    le mie lacrime
    sparse tra le parole
    che solo la tua voce sapeva pronunciare.
    Distesa sul letto del niente
    ti aspetto, invano.
    Composta domenica 10 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: IsadoraWing

      Le misere porzioni

      Mi hai fatto a pezzi.
      Trafitta con la tua lama sottile
      conto le porzioni,
      le misere porzioni di me stessa rimaste sul pavimento
      di questa camera triste.
      Mi hai fatto a pezzi e,
      con un saluto,
      hai varcato la porta lasciando dietro di te
      il peso dei miei sguardi,
      rivolti alle tue spalle,
      tremanti per lo sforzo.
      Mi hai fatto a pezzi e non tornerai.
      Le tue fotografie nei cassetti
      si sono sbiadite nelle nebbia dei silenzi,
      la paura sciolta nell'acido della compassione,
      le mie misere porzioni sparse sul linoleum
      attendono di essere ricomposte
      come tasselli di un mosaico graffiato dagli anni.
      Io sono il tuo puzzle,
      la giacca stropicciata dei tuoi risvegli confusi,
      il disco rotto della tua giovinezza,
      io sono le tue ali nere che non sanno più aprirsi.
      Ti impedisco il volo perché
      non possiamo più volare insieme.
      Composta mercoledì 25 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di