Poesie inserite da Krash

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Krash

Fantasma

Ti trascini per le strade
vagando con la mente svuotata,
la folla ti avvolge
senza percepire la tua presenza
sei fumo!
Che scivola tra loro
come un eco inascoltato,

luci e ombre
avvolgono il tuo corpo
proiettandone l'ombra sull'asfalto
come un anima al tuo fianco
sei tu dentro
le strade vuote
di questa città.
Composta giovedì 11 giugno 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Krash

    Cosa speri?

    Cosa speri di trovare nei nostri sguardi?

    La terra trema
    sotto i nostri piedi
    gli oceani stanno evaporando,
    mentre grattacieli crescono
    sopra le nostre teste
    le parole sono distorte
    da interferenze magnetiche,
    un incessante
    scambio di informazioni
    inibisce i miei pensieri,
    nutrendoci di radiazioni
    le medicine placano
    i nostri dubbi,
    quando detteranno
    i nostri consumi
    le parole non placheranno
    il progresso...

    cosa...?
    cosa speri di vedere nei miei occhi?
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Krash

      Questo mare

      Ovunque porti questo mare
      non c'è niente
      che ci leghi a queste terre,
      niente...
      oltre la consuetudine
      di un orizzonte
      che ci porta lontano,
      fino a farci perdere
      nell'illusione di un cielo
      che continua a cadere
      nei suoi spazi,

      e siamo ancora qui...
      distesi su questa spiaggia,
      cerchiamo di intravedere
      in questa vastità
      qualcosa a cui appartenere,
      mentre il vento trascina il mare,
      sopraffatte dal suono delle onde
      le parole sono inutili,
      dovremmo guardarci negli occhi ma...
      continuiamo a guardare
      tutte queste vecchie stelle
      quasi ci appartenessero...
      Composta giovedì 20 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Krash

        Meccano

        Tutto cominciò dall'assemblaggio
        adesso sono più vecchio,
        forse sono più freddo,
        un segnale mi impone di alzarmi!
        Senza pensare ripeto sempre
        gli stessi movimenti,
        le mie azioni sono state monitorate
        i miei consumi studiati
        dentro di me
        il battito dei miei ingranaggi
        mi regala una vita di programmazioni,
        privo di ambizione
        mi accontento di avere una funzione,
        mentre mi cambiano alcune componenti
        mi accendono e spengono...
        sigarette sul petto,
        a fine giornata
        raccolgo i miei pezzi
        e guardo il mondo da una scatola.
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di