Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Jocondola

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi di Film.

Scritta da: Jocondola
Fiaccata dai tuoi lunghi sguardi,
io stessa ho appreso a far soffrire.
Creata da una tua costola,
come posso non amarti?

Esserti tenera sorella
è il legato di un fato antico,
ed io sono diventata l'astuta, avida,
dolcissima tua schiava.

Ma quando, mite, mi abbandono
sul tuo petto più bianco della neve,
come esulta e si fa saggio il tuo cuore,
sole della mia patria!
Composta martedì 30 novembre 1920
Vota la poesia: Commenta