Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Ilaria


Scritta da: Ilaria
La notte mi osserva, mi scruta dentro.
Alla luna piena di ieri si è sostituito un cielo denso di nubi,
l'aria è più fresca e l'estate volge alla fine del suo cammino, ma tornerà il prossimo anno.
Penso a chi non c'è più.
A chi se ne è andato fisicamente tanti anni fa ma che mi risuona dentro ogni giorno, senza abbandonarmi mai.
A chi non ho potuto salutare ma che mi ha accompagnato lungo la strada, nonostante tutto, nonostante me.
A chi ho conosciuto poco, ma che è andato via troppo giovane.
Penso a chi se ne andrà e mi spezzerà il cuore.
Penso anche a chi invece mi si è spento dentro e con cui non ho più legami.
Penso a chi ho voluto portarmi dentro fino ad oggi.
Penso a chi non ha mai voluto legarsi.
Penso a chi non ho mai conosciuto.
Penso agli amori possibili e figuro il cammino delle maree.
Penso agli amori impossibili e provo a capire perché.
Penso al motivo per cui trasciniamo la nostra vita nel dolore consapevole di quanto questa sia così breve e costellata di delusioni, piccoli dolori, grandi perdite, brevi gioie.
Mi domando perché la soluzione più facile sia l'immobilità e poi improvvisamente tutto è chiaro: la prima reazione alla paura è la paralisi.
E allora la stasi è la soluzione alla paura, fisica e emotiva.
E allora è meglio non prendere decisioni, è meglio accontentarsi, meglio essere felici a metà o non esserlo mai.
È ovvio ripetere gli stessi errori, percorrere la medesima strada infonde sicurezza.
La paura di restare solo ti fa restare.
La consapevolezza che la solitudine è il passo necessario per ritrovarsi e per ritrovare la giusta strada ti fa andare.
Tu cosa farai?
"Testa o croce?"
Vincerò la scommessa.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ilaria
    La notte mi osserva, mi scruta dentro.
    Alla luna piena di ieri si è sostituito un cielo denso di nubi,
    l'aria è più fresca e l'estate volge alla fine del suo cammino, ma tornerà il prossimo anno.
    Penso a chi non c'è più.
    A chi se ne è andato fisicamente tanti anni fa ma che mi risuona dentro ogni giorno, senza abbandonarmi mai.
    A chi non ho potuto salutare ma che mi ha accompagnato lungo la strada, nonostante tutto, nonostante me.
    A chi ho conosciuto poco, ma che è andato via troppo giovane.
    Penso a chi se ne andrà e mi spezzerà il cuore.
    Penso anche a chi invece mi si è spento dentro e con cui non ho più legami.
    Penso a chi ho voluto portarmi dentro fino ad oggi.
    Penso a chi non ha mai voluto legarsi.
    Penso a chi non ho mai conosciuto.
    Penso agli amori possibili e figuro il cammino delle maree.
    Penso agli amori impossibili e provo a capire perché.
    Penso al motivo per cui trasciniamo la nostra vita nel dolore consapevole di quanto questa sia così breve e costellata di delusioni, piccoli dolori, grandi perdite, brevi gioie.
    Mi domando perché la soluzione più facile sia l'immobilità e poi improvvisamente tutto è chiaro: la prima reazione alla paura è la paralisi.
    E allora la stasi è la soluzione alla paura, fisica e emotiva.
    E allora è meglio non prendere decisioni, è meglio accontentarsi, meglio essere felici a metà o non esserlo mai.
    È ovvio ripetere gli stessi errori, percorrere la medesima strada infonde sicurezza.
    La paura di restare solo ti fa restare.
    La consapevolezza che la solitudine è il passo necessario per ritrovarsi e per ritrovare la giusta strada ti fa andare.
    Tu cosa farai?
    <testa o croce>?
    Vincerò la scommessa.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ilaria

      La ballata di un amore

      Era maggio ed un bel dì
      Incontrò una dama
      Era bella e capricciosa
      E suo servo diventò.

      Voglio questo e già lo aveva
      Voglio quello ed era li
      Col pensiero lei bramava
      E il suo servo la serviva.

      Un sorriso bastava
      Al suo povero cuore
      Che batteva e palpitava
      Solo per il grande amor.

      Ora soffre per amore
      E il suo servo comprensivo
      L'ascoltava ore e ore
      Mentre lei gli raccontava
      Di pensieri e di ricordi
      Di quel tempo ormai passato
      Che Amore era con lei.

      Ora invece ride forte
      È bramata da più parti
      Bacia questo e bacia quello
      E racconta al suo servo
      Le prodezze e meraviglie
      Che gli amanti fanno per lei.

      Ma il suo servo poverino
      Non riesce a dirle niente
      E sorride indifferente ai
      Palpiti del cuor.

      Lui non può dirle il vero
      E mantiene il suo mistero
      E per non perder la sua dama
      Di bugiardo si fa fama.

      Non riesce a controllare
      L'emozione più segreta
      E talvolta sul suo viso
      Una lacrima copre il suo sorriso.

      Se potesse le direbbe
      Cerchi amore?
      Sono qui
      Tuo fedele servitore
      Se lo vuoi di tutti i di

      Le direbbe che è bella
      E senza fiato lei lo lascia
      Un sorriso lo uccide
      E non lascia alcuna traccia.

      E se lei lasciasse andare
      Il suo cuore incatenato
      Forse pure capirebbe che
      Anche lei l'ha sempre amato.

      Questa favola d'amore
      Narra di questo servitore
      Che mesto si accontenta
      Di guardare la sua bella.

      È la triste storia
      Di un fedele servitore
      Che darebbe la sua vita
      Per una dama che mai lo amerà.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ilaria

        Vorrei poterti dire

        Vorrei poterti dire
        quanto tutto questo accenda in me la ritrovata fiamma del vivere,
        vorrei poterti far capire
        quanto un solo tuo sguardo riesca a smuovere in me montagne di emozioni sopite,
        vorrei riuscire a sussurrarti quanto rinnovato amore ti devo.
        Ma apro bocca e non pronuncio parole.

        Nell'azzurro terso del cielo stormi di rondini
        Volano alti come i miei pensieri.
        Sembrano attaccati al blu
        Come la mia mente resta ferma a quell'attimo in cui
        Le tue labbra si sono socchiuse accettando le mie.

        Chiudo gli occhi e sento farsi strada
        Il desiderio forte di te,
        le tue mani intrecciate alle mie,
        le tue carezze affettuose sulla mia nuca,
        i tuoi sguardi incerti dentro ai miei occhi,
        i sorrisi dolci fra le tue labbra.

        Vorrei avere la forza per strappare il tuo cuore ed inciderci dentro la mia immagine,
        vorrei essere sicura di me da poter sostenere ogni tua perplessità,
        vorrei poter contenere tutti i tuoi dubbi e le tue paure
        ma sono debole e incerta nei miei passi per poter fare tutto questo ed inciampo.

        Vorrei sussurrarti parole sconosciute ad entrambe,
        vorrei riuscire ad aprire i tuoi occhi sul mio cuore,
        vorrei farti vedere che meraviglie cela, che colori brillanti per dipingere i muri della tua solitudine, vorrei farti sentire leggera, spensierata e bambina, farti ridere ogni istante, ogni respiro, fino a perdere il fiato
        ma io non sono fatta per questo, non so proferire parola e taccio pensieri d'amore.
        E fuggo e in un tacito accordo accetto tutto.

        Hai detto tutto nella chiarezza che possono avere parole intrise di azioni che le contraddicono.

        E nella mia debolezza invece di dirti resta con me, prova ad amarmi, ti lascio andare per strade incomprese e lontane da me, in un triste addio che il mio cuore non sa pronunciare

        Vorrei poterti dire...
        Vota la poesia: Commenta