Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Giuseppe

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Giuseppe

Ora lo dico al vento

Gli occhi del pensiero
portano a respirare
dolci emozioni
strappate al tempo,
trascinate dall'onda di momenti
che riflettono immagini
carezzate da fiori di parole,
le prendo per mano
e le conduco al cuore
che impasta sul cuscino
cielo, sentimenti, cuore, stelle...
li converte in profumo per sognare.
Nella notte è facile viaggiare
a cavallo di palpiti sospesi
nei giardini di fantasie di fiori,
ma poi si sveglia il giorno
l'alba scopre nuvole,
copre il cielo una coltre di vapore
e tutta la dolcezza di pensieri
entra nella stanza del dolore...
Ora lo dico al vento
che faccia dirottare
pioggia che lavi
questo fruscio stressante d'incombenze
del tempo contro il cuore
per un qualche balugino di sole
del tramonto riflesso per sognare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe

    Se pensi che ci sia tempo per amare

    Ho incontrato il profumo di un sogno
    nascosto dietro l'ombra di un pensiero
    mi prese per mano mi condusse
    a respirare una poesia d'amore
    sospesa dietro gli anni
    da una qualche lacrima velata
    al mio cuore rimasto disattento
    rinvenuta quando era troppo tardi.
    Ora i sogni assaltano le notti
    maturati dal gelo delle ore
    I ricordi sono carte scoperte
    ma non si possono cambiare
    perciò vorrei tenderti la mano
    ma ho perduto tutto,
    solo capelli bianchi posso darti
    se pensi che ci sia tempo per amare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe

      L'albero di sogni

      C'era una volta un palpito di cuore
      cadde per caso nella terra brulla
      amareggiata da delusioni
      e subito attecchì,
      la radice del sogno coi suoi tralci
      bonificò il terreno
      che si coprì di fiori e di colori
      come una festa della primavera.
      L'albero di sogni
      divenne grande
      da abbracciare il cielo,
      divenne luminoso come un sole
      e diede frutti d'oro...
      ma era inverno, l'albero incantato
      ora si trova lungo il mio cammino
      carico di sogni desideri
      scintillanti dentro il mio pensiero...
      se potessi afferrarli con le mani!
      Ma sono come cocci di cristallo
      che solo toccarli fanno male
      oltre il vestito bello di parole.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe

        Le tue parole

        Le tue parole sono la corrente
        di un fiume che trascina i desideri.
        Ora sono ridotto alle tue acque.
        Navigare
        mi conduce all'isola dei sogni.
        Se potessi afferrarli con le mani
        forse risplenderebbero col sole,
        se parole potessero parlare
        con la voce del cuore
        forse potrei dirti col silenzio
        tutto ciò che vorrei...
        Ma il vento non dirotta
        nuvole di pensieri in una pioggia
        che lavi questo cielo di soprusi
        del tempo contro il cuore,
        e la poesia carica di versi
        l'ha rapita l'inverno
        fino al punto di farla congelare.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe

          Auguri per il Nuovo Anno

          L'anno in corso è passato
          ha disilluso il tempo
          lasciandogli problemi,
          si applaude l'anno nuovo
          coi fuochi d'artificio
          sperando che sia buono.
          L'orologio continua la sua corsa
          col verso contro il peso di pensieri,
          il tempo non confonde le parole
          ripete con le foglie inaridite
          gli stessi versi della primavera.
          L'anno nuovo grava
          sui strapiombi
          sospesi alle vertigini del monte,
          la fantasia del cuore
          non si arrende,
          illusa dagli sprazzi di sereno
          abbraccia un qualche canto di sirena,
          non si lascia legare come Ulisse
          rivive incanto dolce di ricordi,
          ma pensieri smarriti di dicembre
          sono come il grigio delle nubi
          ascoltano su ceppo delle querce
          la danza delle foglie
          contro il vento dell'ultima stagione.
          Composta mercoledì 28 dicembre 2016
          Vota la poesia: Commenta