Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Giulio Micheletti

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Giulio Micheletti

la parola col significato

Mobbing, stoking, ma che stamo a di amico mio.
Tornamo a parla come na vorta,
quanno i problemi c'avevano un nome e
s'affrontavano con ragione.
Ora li chiamamano in modo strano ma de risveli ce ne fregamo. Si è vero che er male è universale
ma non me poi condanna se io er significato de sti infamie non l'ho assorbito. Me condanni con fervore se io a quello jo detto che
è un frocione, ma me assolvi dal clamore se je dico omosessuale.
Tutto questo ancora non l'ho capito e resto sbalordito quanno al telegiorale er pedofilo de turno non è stato
convertito con na pena esemplare.
Le attenuanti c'hai portato non ponno elude na sentenza,
vacce tu amico mio a di a quer regazzino
che lo sgarbo che ha subito è stato già assorbito.
Assorbito velocemente intanto non è niente, e l'umano non se risente.
Tu lettore non fraintende io sto a di de non fomenttatte pe na frase che ho toppato, n'aggettivo c'ho sbajato:
Ce lo sai so ignorante e sti nomi tutti novi me confonnono le ragioni
de capi perche' na pupetta su na strada desolata è chiamata na gran puttana.
E quel vestito che se ferma con la macchina accostata me lo chiami gran signore.
Così me fai capi che a sto monno nulla è cambiato.
Che l'omo forte e rispettato a me che so un cojone ma sempre rivortato,
rivortato è un ufenismo, volelo di che m'ha sodomizzato.
E adesso gran censore m'hai capito se te dico, che er fjo mio se so inculato?
Composta venerdì 26 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulio Micheletti

    Povera Roma

    Roma mia non dì più gnente,
    la gente non tà più onorato
    Na fontana brunellesca la folla
    l'ha trattata como una tazza de cacao
    e na scala gentilesca la tramutata in
    deposito de monezza,
    er romanesco colosseo
    preso come superfice e collò smog
    l'ha affrescato.
    Ma che te frega non di gnente a sti
    barbari invasori
    Statte zitta e bona bona per favore
    Roma bella, a sta orda de cojoni
    non je cantà più le tue canzoni.
    Composta venerdì 26 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giulio Micheletti

      Er custode de museo

      Ho fatto sempre na vita doppia,
      la mattina er garzone la notte er custode.
      Si la mattina ho fatto er servo come milioni
      di persone, a sta società maledetta che non ce tratta con rispetto.
      Er rispetto alla gente che è contenta solo la domenica
      mattina col la benedizione de Dio nostro Signore.
      È contenta de sta a casa de non fa la solita manfrina
      de ogni mattina, de non dovè affronta la città incasinata,
      de dovè sta impalata con na macchina obilitatrice abbracciata.
      Me sento fortunato perché ogni vorta che pio de servizio, sembra na domenica mattina,
      ogni volta che ho montato un amico ho trovato.
      Ho passato la vita mia con gioia de sta insieme all'artista del pennello
      che ha dipinto questo o quello.
      Co Tiziano io so stato quanno me sentivo appassionato,
      invece co Caravaggio sono annato quanno
      me sognavo de sta a fà un dolce viaggio co la mente.
      Er custode non è gnente, però se gode tutto l'ambiente,
      e se sente appagato dall'aria del passato che ha respirato.
      Composta venerdì 26 ottobre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giulio Micheletti

        ragazzo der Tufello

        Me vanto desse nato in borgata,
        der Tufello so stato l'astronauta.
        Ciò visto cresce tanta gente,
        delinquenti, assassini, spacciatori,
        ma sempre meno di quelli boni.
        Mi ricordo er cocomeraro, che la sera
        cè dava na fetta de rinfresco,
        de Giovanni er vinaro,
        Pippo al cantinone no spasso era
        cor ghiaccio d'asportazione,
        poi Lorenzo er tabaccaro
        che insieme alle palle de natale c'aveva anche er puntale.
        Er mercato rionale stava proprio sotto casa mia
        e pè comprà le patate se scennevano solo le scale.
        Non c'era bisogno der carrello
        tanto il magnà era sempre quello.
        Mo è cambiato er rione,
        vanno tutti a comprà a nantro ingrosso,
        co l'illusione de poté fa l'affare più grosso.
        Adesso che so annato via
        non vedo più tutta la gente mia.
        L'amici de na vorta, quelli der montarozzo,
        dove insieme sannava a fumà qualche mozzicone,
        Aldo er grosso, Ilario lo snobbone,
        Fabio er caccoletta, se so quasi tutti persi,
        meno che Alessandro er secco, er mejo amico mio,
        diventato però un gran ciccione.
        Per farla corta e favve capì com'è cambiato,
        figurateve che pè quelli der Tufello
        io ero ciccio bello.
        Composta domenica 21 ottobre 2012
        Vota la poesia: Commenta