Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gino Cesetti

il mio matrimonio

Mò va ricconto de quanno me sò sposato
e de come Cristo ma ampiamente illuminato
infatti qua matina mi madre apri le braccia
e me disse a Gi a me pare na fregnaccia

ma io vestito bene assai elegante
je disse a ma e basta naj dette tante
e lei porella senza più fiatare
me accompagnò mogia fino art'artare

da quer momento cominciarono i problemi
robba da diventacce scemi
le luci che erano accese fino a quel momento
de corpo se spensero senza avvertimento

er prete ormai vista la ragione
cominciò de corpo la funzione
tutto ciò che era stato preparato
se ridusse a un canto un po' stonato

ma tutto questo è gnente
e infatti appena uscito tra la gente
na vecchietta me tira li confetti
che me so arrivati in fronte stretti stretti

infatti la poretta
me la tirati co tutta la sacchetta
un po' intontito e in pò'ntronato
ho rivisto l'artare illuminato

partimo e annamo a fà e fotografie
qui artre peripezie
me dicono prenda la sposa in braccio
er vestito je se apre come no straccio

la sposa faccia la modella
e in quer momento a scarpa je se scolla
vestito e scarpe pagate mijoni
me cominciavano a girà un po' li cojoni

ancora nun capivo er segnale
che sto matrimonio sarebbe finito male
ma io pignolo e assai costante
ho mollato dopo avenne viste tante.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gino Cesetti

    Er giorno der giudizio

    Ariverò a quer giorno
    trovannome davanti er padre eterno
    che dovrà decide
    tra er paradiso e l'inferno

    e mentre Lui sulla poltrona siede
    me domanda se nella vita ho avuto fede
    je risponnerò o mio Signore dalla lunga chioma
    l'unica fede mia è stata pè la As Roma

    e Lui allora lo vedrò commosso
    facennome vedè er core giallorosso
    comincerà a sventola a bandiera
    da la mattina fino a tarda sera

    io gli diro Signore ho peccato
    perché lazziale nun sò diventato
    Lui dirà a te t'he cancello dalla lista
    forse nun te sei accorto che io sò romanista.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gino Cesetti

      I nonni d'oggi

      Siamo qui uniti virtualmente
      senza capi effettivamente
      che i nostri ricordi e la nostra lealtà
      fanno parte di un'altra realtà

      Infatti i ricordi e le foto
      fanno parte di un passato ormai remoto
      i bambini e le bambine di ieri
      oggi sò divenuti nonni veri

      se danno da fà coi nipotini
      tornanno ad esse regazzini
      con la voja e la speranza
      li accudiscono cò pazienza

      e se sentono addolarati
      se da fij rimproverati
      ma rimangono loro uniti
      anche se rincojoniti.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gino Cesetti

        Il mio amico cane

        Vedo il suo viso
        che accenna un sorriso
        una lacrima solca il suo volto
        e mi lascia sconvolto

        la sua malinconia è contagiosa
        mi blocca e non riesco a far ogni cosa
        il suo fare sofferente
        mi annebbia la mente

        lui per gli altri trova conforto
        ma anche se vive è dentro morto
        l'unica sua ragione di vita
        è la casa dove lui l'ha servita

        adesso vecchio e zoppicante
        con gli anni né ha passate tante
        vuole come ultima emozione
        una carezza dal suo padrone.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gino Cesetti

          la fede

          Quanno mi madre me mise ar mondo
          pè fà vede e lieto evento misero un coso tondo
          infatti ar portone venne messo er fiocco azzuro
          mi madre disse leva quer coso che mi fijo è romano puro

          ar portone venne levato quer coso da dosso
          e venne messo er fiocco giallorosso
          quei colori come d'incanto
          trasformarono quello che prima era n'pianto

          da allora sò segnato nella lista
          quella de granne romanista
          la Roma è come mamma
          a vorte me fà n'cazzà e a vorte m'enfiamma

          nun è che io ce l'ho cor laziale
          è che solo er pensiero me fà stà male
          proprio nun c'ariva la ragione
          me sentirei come se stassi in prigione

          io rispetto l'ideale
          ma nun me dì de diventa laziale
          perché te risponnerei ce divento solo se moro e poi...
          è mejo che more un laziale che uno de noi.
          Vota la poesia: Commenta