Scritta da: Gian Luca Piasco

A volte vorrei

A volte vorrei scordare che esisti
e che ti amo
per non dover sopportare questa tortura
questo stillicidio di incomprensioni
l'angoscia per le tue fughe improvvise
l'equilibrismo squilibrato tra incubo e sogno
le affannose rincorse senza mai prenderti
ma nel mio cuore batti
e così sempre mi ricordo che esisti
e che non sarebbe amore con te
senza questa tortura.
Composta lunedì 24 febbraio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gian Luca Piasco

    La collina delle erbe profumate

    Aprirò la porta socchiusa dell'estasi
    Mi conduce a te
    Laggiù
    Oltre la collina delle erbe profumate
    Volo su cieli infiniti, i tuoi occhi azzurri
    Zaffiri lucenti sul volto tuo sereno
    Morsi teneri su labbra sottili
    Anelito bocca a bocca, fremito
    Soffio caldo, un sospiro mi spinge giù
    Seni profumati, fianchi sinuosi
    Lento scorro su pelle setosa
    Senza freni, scivolo ancora
    Altre vallate impervie risalgo
    Gambe affusolate su caviglie sottili
    Respiro piano, odore, umore, sapore
    Inebriato mi sciolgo nell'umida fonte
    Sorgente di vita, lago di dolcezza
    Labbra su labbra, infinito piacere
    Non affonderò, sono forte
    A vento, il timone solca le acque
    La porta dell'estasi sto aprendo
    Laggiù
    Oltre la collina delle erbe profumate.
    Composta martedì 28 gennaio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gian Luca Piasco

      Tutta per me

      Tutta per me adesso
      Come cerbiatta al destino arresa
      Del Satiro impazzito
      Aspetti il morso al collo
      Ginocchia contro ginocchia
      Gomiti flessi al muro
      Arriva come tempesta
      Il mio ansimare ringhioso
      Ti tengo
      Le mani sui fianchi vellutati
      Un nastro di pizzo nero
      Ti scivola ormai sulla schiena
      Tutto il tuo profumo cerco e respiro
      E il corpo mio si espande
      Ondeggio lento e dolce
      Sussulto forte e frenetico
      I muscoli tutti come corda tesa
      Spasimo e ondeggio ancora
      Sto sul precipizio e non resisto più
      Un ruggito roco, l'ultimo sospiro
      Poi l'anima mi scappa via dal petto
      Con te sotto che mi cerchi ancora.
      Composta mercoledì 8 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di