Le migliori poesie inserite da Gabriella Stigliano

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Gabriella Stigliano

Vi è un piacere nei boschi inesplorati

Vi è un piacere nei boschi inesplorati
e un'estasi nelle spiagge deserte,
vi è una compagnia che nessuno può turbare
presso il mare profondo,
e una musica nel suo ruggito;
non amo meno l'uomo ma di più la natura
dopo questi colloqui dove fuggo
da quel che sono o prima sono stato
per confondermi con l'universo e lì sentire
ciò che mai posso esprimere
né del tutto celare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Stigliano
    Mi avevano lasciato solo
    nella campagna, sotto
    la pioggia fina, solo.
    Mi guardavano muti
    meravigliati
    i nudi pioppi. soffrivano
    della mia pena. pena
    di non saper chiararnente...

    E la terra bagnata
    e i neri altissimi monti
    tacevano vinti. Sembrava
    che un dio cattivo
    avesse con un sol gesto
    tutto pietrificato.

    E la pioggia lavava quelle pietre.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gabriella Stigliano
      Dove son già fatte le strade, io smarrisco
      il cammino.
      Nell'oceano immenso, nel cielo azzurro
      non è traccia di sentiero.
      La viottola è nascosta dalle ali degli
      uccelli, dal fulgor delle stelle, dai fiori
      delle alterne stagioni.
      E io domando al cuore, se il suo sangue
      porti seco la conoscenza dell'invisibile via.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gabriella Stigliano
        Non so come tu canti, mio signore!
        Sempre ti ascolto
        in silenzioso stupore.
        La luce della tua musica
        illumina il mondo.
        Il soffio della tua musica
        corre da cielo a cielo.
        L'onda sacra della tua musica
        irrompe tra gli ostacoli pietrosi
        e scorre impetuosa in avanti.

        Il cuore anela di unirsi al tuo canto,
        ma invano cerco una voce.
        Vorrei parlare, ma le mie parole
        non si fondono in canti
        e impotente grido.
        Hai fatto prigioniero il mio cuore
        nelle infinite reti
        della tua musica.
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di