Scritta da: Gabriella Nardacci

Scrivimi

Amore scrivimi una lettera
una che mi parli
anche breve
magari solo di pensieri mozzati
o mozzafiato
che sia intrisa di doni e di perdoni
che abbia un colore
l'odore della tua carne
che abbia la solitudine dell'anima nostra.

Una lettera breve
che dica il mio nome
e non un pronome
che mi parli
che mi dica di te
una lettera breve in cui mi confidi
che non è difficile amarmi.

Amore scrivimi una lettera
una lettera breve
che sia un dono per me.
Una lettera breve
che mi parli di te e di me.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Nardacci

    Per un re

    Ti ho seguita muta e generosa
    dentro la tua tenda
    dove né aedo né musa
    giammai potrebbero cantare
    della bellezza della tua spada lucente
    e di quanto sia stato tu Re con me
    e di come io con te
    abbia diviso il mio onore.
    Le mie ancelle mi hanno atteso
    per lavarmi con acqua di rose
    e la notte mi ha accompagnata poi
    dentro la tua reggia
    ove mi hai offerto un banchetto di cibi speziati
    e dove abbiamo nutrito l'anima
    del nettare rubato al fiore della vita.
    Ad un Re ho donato
    un regno sconsacrato
    senza che io abbia mai conosciuto il suo volto.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gabriella Nardacci

      Per sempre (Più t'allontani più ti vedo)

      Eccoti lontano dal mio cuore
      ti vedo dileguare tra la nebbia
      e innumerevoli pensieri senza senso
      attraversono i confini delle ombre
      su cui tu hai camminato
      Eccoti lontano dal mio canto
      travolto dal vento di nuove primavere
      in questo inverno rigido e piovoso
      nel quale tu mi appari insudiciato
      eccoti lontano dai miei sogni
      e più te ne allontani più ti vedo
      e a grandi passi me ne sposto indietro
      e cado sul bagnato della pioggia
      che tanto ho amato contandone ogni goccia
      per questo amore fradicio e malato
      che tu non hai protetto né curato
      Eccoti lontano dai segreti
      sparito dentro i fumi menzogneri
      lontano dai bisogni senza freni
      vicno alle prigioni dei misteri
      Eccoti lontano dalla mente
      e slego i miei fantasmi e tolgo le miei bende
      ritorno indietro e passo sui tuoi passi
      e ne cancello i segni del tuo peso
      E tutto si confonde nel dolore
      i baci le strette le parole
      viaggiano ormai sole e fuori di un amore
      che vive nel battito incostante del mio cuore
      e di morir non vede la ragione.
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di