Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Pablitos Los Sconditos

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Pablitos Los Sconditos
Non è che non mi fidi di te
non mi fido delle tue mani
della tua pelle
dei tuoi occhi
delle tue labbra
cose che sono alla mercé del mondo
le possono avere chiunque
il tuo cuore no
non lo si vede
se non a chi lo apri.

Mi fido del tuo cuore
perché io l'ho visto
grazie a te
che me lo hai mostrato.

Lo vorrei solo io
egoisticamente
tutto per me
è la cosa più bella che ho visto
in vita mia
e non voglio perderla.

Ora puoi capirmi?
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pablitos Los Sconditos
    Nella vita possiamo
    donarci
    sotto forma di amore
    amicizia, tempo, passione
    ma abbiamo un limitato
    numero di doni
    che possiamo fare
    insieme a quei doni
    regaliamo un pezzetto
    della nostra anima
    ma non possiamo
    darla via tutta
    altrimenti moriremmo
    di freddo
    senza niente
    che ci possa scaldare.

    Per questo dobbiamo scegliere
    bene a chi dare quel
    pezzetto
    se sapremo scegliere bene
    e la persona avrà cura
    del nostro regalo
    la nostra anima
    rimarrà sempre
    completa
    perché quel pezzetto sarà
    sempre vicino a noi.

    Se invece quel dono
    finirà perso o rovinato
    quella parte di
    anima
    scapperà perdendosi
    tra le stelle
    e a noi non
    ci rimarrà che
    soffrire
    per quella ferita
    per quel pezzo di
    anima che non c'è più.

    Per questo abbiamo
    un numero limitato
    di doni
    qualche
    pezzo di anima
    dovrà volare via
    prima che si impari
    a capire
    a chi donare la nostra fiducia.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pablitos Los Sconditos

      Sandman

      Sono un uomo di sabbia
      prendo le cose con le mani
      mi si sgretolano
      facendo cadere tutto a terra
      rompendolo
      tutto ciò che tocco
      si insabbia
      rovinandosi
      se mi bagni
      con le tue lacrime
      divento fango
      e tutti scappano
      dall'uomo di sabbia
      dietro a me
      vedo solo mucchi di sabbia
      orme prive di erba
      piango granelli
      non ho organi
      né cuore
      solo sabbia
      chi mi tocca
      lascia il segno
      su di me
      non esiste più una parte
      di me liscia
      il vento porta via
      i miei capelli
      impedendomi di
      toccare il cielo
      cosa vi è in me
      di sbagliato
      per questa città
      piena di cemento.
      Vota la poesia: Commenta