Scritta da: Francesco Bugnola

Mi ridimensiono

Antico l'immorale
vive dimensioni
quando il corpo
trascende lo spazio
circoscritto nel sogno.

Ho bisogno di poter vedere
senza lenti ai miei occhi
ho bisogno di poter dipingere
senza colori e pennello,
mi perdo
dannate morali.

Non occorrono contorni
per trasudare
il vivo in noi
che ci rinasce,
che ci rincuora.

Ma pensando chiaro
mi ridimensiono
sbagliando corro
non chiedo perdono.
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di