Scritta da: F. Tornabene

Solo un brutto sogno

È solo un brutto sogno
me lo ripeto in continuazione
prima o poi mi sveglio
e sarà primavera
sara tutto giusto
un colpo di spugna
e via tutti gli errori
come a togliere le briciole dal tavolo dopo la colazione
ma poi
ancora una volta
la sveglia suona
e quelle briciole sono tutto ciò che mi rimane
gli errori
le paure
il vuoto
mi guardo allo specchio
e cerco di sorridere
cosi da convincermi
che le lacrime sul mio viso
siano parte del passato...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: F. Tornabene

    Come scatole

    Rimbalzo tra scatole vuote
    Di cui non ricordo il nome
    Mi perdo nel loro sembrare
    Mi stanco del loro dire
    E ancora rimbalzo
    Mi bagno
    Quando nessuno mi vede
    Scappo se nessuno mi tiene
    Scatole vuote fatte di buoni propositi
    Imbottite di rancore
    Mascherato da paura
    Scatole da cui si può solo uscire
    Allora sorrido
    Ringrazio e dico addio.
    Composta martedì 12 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: F. Tornabene

      I figli

      I figli non si scelgono
      Non sono giusti o sbagliati
      Non si può scegliere se o quanto amarli
      Sono una parte di noi
      Come se si potesse scegliere
      di amare la propria mano
      o di non volere un dito del piede
      sono ciò che non siamo stati
      ciò che potevamo essere
      normali o "diversi"
      hanno solo bisogno d'amore
      non chiedetevi se è giusto come sono
      loro vi accettano senza chiederselo.
      Composta sabato 29 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: F. Tornabene

        Le parole non bastano

        A volte non bastano le parole
        Nemmeno le emozioni
        Cè qualcosa
        La senti dentro
        Sembra scoppiare
        E invece
        Fa sempre più male
        Vorresti spaccare tutto
        Urlare fino a perdere la voce
        Convinto che ci sia un modo
        Per far smettere il dolore
        Se sopravvivi
        Se non dimentichi
        Poi col tempo ti rendi conto
        Che le urla
        sono diventati silenzi
        i pugni sorrisi
        E il male
        Solo un ricordo.
        Composta mercoledì 5 settembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di