Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Erika Baini

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Erika Baini

Caro Poeta

Poeta mio
da quando per la prima volta
il sole tramontò all'alba del mio presente
io ti amai

e ti amerò ancora
fino a quando la luna sorgerà
agli albori della mia giovinezza;

quel tuo radioso sorridere
per sempre custodirò in seno
palpitante
senza tregua

questo mio cuore quando smetterà di fremere
si ricongiungerà finalmente al tuo
immortale.

Piango ora,
nulla mi resta al di fuori di ciò.

Forse almeno questo mi rimane:
un foglio bianco, la mia anima dipinta dal ricordo di te.

Se è vero che ti ritrovo
mentre con l'inchiostro delineo i tuoi contorni,
allora il mio scrivere non sarà vano.

Calore,
spirito celeste,
amore,
non abbandonarmi più.

Io ti ho trovato
e assieme percorreremo
ciò che l'esistenza non ha potuto
e non potrà mai tracciare.
Composta lunedì 6 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Erika Baini
    Amore.
    Quante frasi cominciano
    con la parola amore.
    Ma dietro è il vuoto
    il desiderio di colmare
    la mancanza di un sentimento
    sperduto tra le selve degli anni.
    Un tonfo sordo sul palco
    del petto e il seno, senti
    come si stringe nel pianto
    inascoltato della solitudine;
    muti spettatori sono le lacrime.
    Eclissa lo sguardo fisso
    nel perenne succedersi delle stagioni.
    Composta lunedì 28 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Erika Baini
      Il suo corpo sul mio era
      soltanto un viandante sperduto
      in cerca di un'oasi di piacere
      ma mi amava – anche solo
      per poco –
      con l'azzurro
      dei suoi occhi e l'umido
      delle sue labbra mature.
      Indifesa, mi scrutava,
      mi esplorava, mi scopriva
      nuda nella sua mente e
      sotto le sue mani calde.
      Mi toccava la pelle dell'anima,
      e nell'anima sfiorava il fiore
      della mia seconda giovinezza
      mentre le vie di Milano ci erano
      estranee e il vento di novembre
      mordeva il sole come la sua bocca.
      Composta mercoledì 26 novembre 2014
      Vota la poesia: Commenta